Juve, il ritorno alla vittoria non basta: cori e fischi contro giocatori e Allegri

Al momento stai visualizzando Juve, il ritorno alla vittoria non basta: cori e fischi contro giocatori e Allegri

Non sono bastati i  tre gol al Bologna per far tornare il sereno tra la Juventus e i propri tifosi. Ultras o tifosi convenzionali, poco cambia: dal pre partita fino alla fine, mutuando il motto che una volta univa il mondo bianconero, è stata una giornata di spalti semivuoti, di cori e fischi. Nessuno è stato risparmiato: alle 18, mentre la squadra si preparava a raggiungere lo stadio, un nutrito gruppo di ultras l’ha contestata davanti al J Hotel. Se l’inizio non è stato dei migliori, poco prima dell’inizio del match lo scenario dell’Allianz Stadium era desolante: ampie macchie vuote nonostante il dj set di Salmo, artista di fama internazionale oltre che tifoso della Juventus. Nonostante con il passare dei minuti qualche vuoto sia stato riempito dagli ultimi ritardatari, e con il dato ufficiale che annunciava quasi 35.000 spettatori, cifra che evidentemente comprende anche l’intera quota abbonati compresi gli assenti, i buchi sulle tribune erano ben visibili, resi ancora più evidenti dall’assenza quasi totale dei supporters bolognesi.

Fischi e cori contro Allegri

Con le due squadre schierate in campo e pronte per il calcio d’inizio, dalla Curva Sud  è partito il più esplicito dei cori a tirare fuori il carattere. Un inizio che potrebbe aver stimolato i calciatori, che hanno fornito una prestazione non spumeggiante ma comunque solida e determinata, favorita anche dall’impalpabilità del Bologna. Ma che non ha messo fine alla sequela di frecciate a giocatori e tecnico. Mentre la tifoseria ha ritmato “freed from desire”, la stessa canzone che i milanisti dedicano a Pioli, un parte di supporters l’ha “riscritta” inserendo “Allegri out”. Infine quando al 36′ della ripresa è entrato Kean, i fischi dello stadio lo hanno accolto ancora prima che potesse mettersi in mostra in campo.

Il finale polemico tra curva e giocatori

La risposta della squadra, oltre che sul campo, è andata in scena dopo il triplice fischio di Abisso, quasi a rispondere alle provocazioni e ai comunicati usciti la scorsa settimana. Non è infatti andata in scena la consueta passerella sotto la curva, contestata dai gruppi organizzati: i giocatori hanno immediatamente preso la strada degli spogliatoi dopo aver salutato gli avversari, incuranti dei tifosi in attesa. Provocando la loro reazione, sfociata in sonori fischi che hanno chiuso una serata vincente in campo ma controversa e tormentata nel rapporto tra spettatori e squadra.

Juve, il ritorno alla vittoria non basta: cori e fischi contro giocatori e AllegriFonte Repubblica.it

0 0 votes
Valutazione dell'articolo
Tienimi aggiornato
Notificami
guest
1 Commento
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
castigamatti
Ospite
castigamatti
1 mese fa

“Il designatore Rocchi: “Arbitri? Doppio tesseramento è un’idea brillantissima”
ma gli arbitri hanno GIÁ DUE TESSERE:
quella della federazione arbitri e QUELLA DELLA RUBENTUS.
da sabato hanno ANCHE QUELLA DELLA ROMA.