Juve-Benfica, Di Maria chiede a Milik: “Perché ti ha sostituito?”

Al momento stai visualizzando Juve-Benfica, Di Maria chiede a Milik: “Perché ti ha sostituito?”

TORINO — Primi segnali di insofferenza per Angel Di Maria, che critica la sostituzione di Arek Milik in un momento a fine gara ripreso dalle telecamere e diventato immediatamente virale, e a fine gara si dirige verso gli spogliatoi lasciando la squadra ad affrontare la curva inferocita. Come se non fosse bastato il secondo ko nelle prime due partite di Champions League, evento unico nella storia della Juventus, ha iniziato a incrinarsi il rapporto con l’argentino. Entrato contro il Benfica a partita in corso, ha offerto una prestazione opaca sia dal punto di vista fisico, complice anche il recente problema muscolare, sia da quello mentale. Con due episodi che fanno riflettere sull’ambientamento del Fideo in bianconero.

Cosa ha detto Di Maria a Milik

Il primo è capitato al 70′, quando Allegri ha sostituito Milik, autore di una buona prova, inserendo Fagioli e Kean per Kostic. Un giudizio, quello sulla prova del polacco, condiviso anche da Di Maria, che a fine partita, secondo il filmato analizzato da Prime Video, si è fermato a parlare con il compagno di squadra chiedendogli il perché della sostituzione. Oltre a interpretare il labiale e il “porquè” pronunciato dall’argentino, la mimica è eloquente: una mano indica la panchina mentre ripete “porqué”, seguito dal gesto del cambio e dalla faccia perplessa. Una ricostruzione a cui Milik, interpellato sull’episodio, ha preferito glissare: “Quello che ci siamo detti rimane tra di noi”. Oltre, naturalmente, ai telespettatori di Prime Video.

Di Maria non va sotto la curva

Dopo aver salutato gli avversari e aver dialogato con il compagno di squadra, Di Maria si è allontanato dal campo mentre la squadra si avvicinava timorosa alla curva, letteralmente inferocita con i bianconeri. Un lento caracollare a testa bassa, concluso prima di andare negli spogliatoi con l’abbraccio a un dirigente lusitano, evidentemente una vecchia conoscenza del Fideo, che a Lisbona ha mosso i primi passi in Europa. Mentre la curva insultava i compagni, Di Maria abbandonava il campo sconsolato: “Angel ha fatto mezzo allenamento con la squadra – è stata la ricostruzione di Allegri sulla prova dell’argentino e sul cambio -. Poi ho tolto Milik perché mettendo Di Maria, che non era in condizione, ho dovuto togliere una punta, perchè con i due centrocampisti ci siamo consegnati ancora di più a loro. Milik mi sembrava più stanco di Vlahovic e ho messo un centrocampista in più”. Tra infortuni e frizioni, l’impressione è che ad oggi la Juve abbia anche un Di Maria in meno.

Juve-Benfica, Di Maria chiede a Milik: "Perché ti ha sostituito?"Fonte Repubblica.it

0 0 votes
Valutazione dell'articolo
Tienimi aggiornato
Notificami
guest
6 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
il Nerazzurro
Ospite
il Nerazzurro
2 mesi fa

Perché è un grande allenatore, vuole i meriti sempre anche quando perde 😂

castigamatti
Ospite
castigamatti
2 mesi fa

ma la giuve é nel girone con barcellona e bayern?

El Cuchu
Ospite
El Cuchu
2 mesi fa
Reply to  castigamatti

Se non sbaglio è con Manchester U, Real Madrid e Liverpool.
Sono giustificati via…..

Tifoso interista Doc
Ospite
Tifoso interista Doc
2 mesi fa

Più resta alla Juve, più siamo sicuri di non vederlo all’Inter, perché con Marotta la paura è grande di ritrovarcelo qua prima o poi…..
Spero resti moooolto a lungo lì dove si trova ora.

castigamatti
Ospite
castigamatti
2 mesi fa

forse voleva difendere il risultato… AHAHAHAH

La punta nerazzurra
Ospite
La punta nerazzurra
2 mesi fa
Reply to  castigamatti

Si si….d’altronde aveva davanti una delle squadre che potrebbero vincere la Champions, è normale avere paura, se ti capita di fare un gol per primo è un miracolo, dopo ti devi chiudere in difesa. Poi mancavano solo 86 minuti alla fine della partita, poteva mica giocarsela a viso aperto?????
Altrimenti come avrebbe potuto ispirare paura alla propria squadra? 🤭😂😂😂

Last edited 2 mesi fa by La punta nerazzurra