Inter, Marotta: ”Scudetto? Siamo arrabbiati, non depressi”

Inter, Marotta: ''Scudetto? Siamo arrabbiati, non depressi"

“Simone Inzaghi sta facendo molto bene, siamo molto contenti. Comunque vada andremo avanti insieme. Ha margini di crescita forti, quando arriverà nell’età dei vari Ancelotti, Allegri e Conte, sarà uno dei migliori in assoluto”. All’indomani della sconfitta dell’Inter in casa del Bologna, che ha riconsegnato ai cugini del Milan il vantaggio di essere padroni del proprio destino nella lotta per lo scudetto, Beppe Marotta allontana le prime ombre sul futuro del tecnico nerazzurro.


Corsa Scudetto: il calendario di Milan, Inter, Napoli e Juve

  35a giornata 36a giornata 37a giornata 38a giornata
Milan 74 pt Fiorentina VERONA Atalanta SASSUOLO
Inter 72 pt UDINESE Empoli CAGLIARI Sampdoria
Napoli 67 pt Sassuolo TORINO Genoa SPEZIA
Juve 66 pt Venezia GENOA Lazio FIORENTINA

In maiuscolo le partite da giocare fuori casa

Classifica Serie A | Marcatori | Calendario completo Serie A


 

“Siamo arrabbiati, non depressi”

Marotta è convinto che, a quattro giornate dalla fine, i giochi siano ancora aperti: “Da uomo di sport sorrido ma è un sorriso amaro. Fa parte del gioco: abbiamo perso una battaglia, ma ancora non la guerra – dice in occasione dell’evento “Il Foglio a San Siro” -. Dobbiamo cercare di ricomporci il prima possibile perché siamo incazzati, non depressi: dobbiamo vedere cosa succede, mancano ancora quattro partite e questo calcio non è così scontato come negli anni Settanta e Ottanta quando si incontravano una squadra con forti motivazioni e altre che non hanno più nulla da dire, come abbiamo visto in Serie B con Crotone-Cremonese. Speriamo che arrivino due ciliegine in questo finale di stagione (Coppa Italia e Serie A), ma siamo molto contenti: questi risultati arrivano grazie alla cultura del lavoro, alla competenze delle strutture e alla solidità del club. C’è stata una scossa molto forte la scorsa estate, è andato via l’allenatore, sono andati via due giocatori molto importanti come Lukaku e Hakimi, ma alle spalle avevamo la solidità del club e abbiamo operato sulla falsariga dei campionati precedenti, cercando di allestire una squadra competitiva – aggiunge l’ad nerazzurro – Abbiamo avuto la fortuna di scegliere un tecnico giovane ed emergente: Inzaghi sta rispondendo pienamente alle nostre esigenze. E oggi stiamo lottando per lo scudetto, abbiamo vinto una Supercoppa e dobbiamo fare una finale di Coppa Italia”.

“Raiola il migliore, spero stia bene”

La notizia del giorno riguarda il peggioramento delle condizioni di Mino Raiola, in un primo momento era circolata addirittura la notizia del suo decesso, poi smentita. Questo il commento di Marotta: “Spero possa stare bene. A lui mi lega un rapporto di amicizia basato anche su diversi scontri avuti con lui. E’ un agente preparato, scaltro e furbo, sicuramente il migliore in circolazione. Dice in faccia quello che pensa. Nella trattativa per Pogba alla Juventus lui è stato molto bravo a far sì che si realizzasse”. Chiusura sul tema politico: “Un grosso problema del nostro Paese è la mancanza di un ministero dello sport. È davvero una grossa lacuna, perché dal ministero potrebbero declinarsi anche altre attività promozionali per tutte le discipline. E poi mancano le strutture, le palestre dove fare pratica sportiva: la crisi nasce da qui. Infine è necessario investire sulla formazione, perché non ci sono più i maestri di una volta. La politica deve capire che lo sport è un patrimonio”.

Fonte Repubblica.it

Voglio essere avvisato
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments