Inter, Inzaghi gestisce Lukaku: niente Fiorentina, ma in Champions ci sarà

Al momento stai visualizzando Inter, Inzaghi gestisce Lukaku: niente Fiorentina, ma in Champions ci sarà

I dati rilevati in allenamento parlano chiaro: non è ancora pronto. Romelu Lukaku, che pure ieri è tornato a esercitarsi in gruppo con i compagni, è lontano dalla forma migliore. Simone Inzaghi, che nelle ultime settimane sembra avere risollevato morale e sorti dell’Inter senza poter contare su di lui, tutto sommato non ha fretta. Oggi l’appuntamento per i giocatori nerazzurri sui campi della Pinetina è convocato per le 11. Il tecnico piacentino deciderà se portare Big Rom quantomeno in panchina o se lasciarlo riposare e ruotare in campo gli uomini con cui ha battuto il Barcellona a San Siro, pareggiando poi al Camp Nou: Lautaro e Dzeko, a cui è tornato ad aggiungersi Correa, che finora si è rivelato essere l’unica vera scommessa persa dell’ex allenatore della Lazio. Poi c’è Carboni, primavera ormai stabilmente aggregato alla prima squadra.

Con Big Rom meglio non rischiare

Se l’operazione che ha portato a Milano Lukaku si rivelerà un affare, sarà il tempo a dirlo. Certo, la suggestione di prendere in prestito a 10 milioni (più il suo stipendio) un giocatore che si è venduto a 115 è forte. Ma è anche vero che di fatto il belga in questa stagione non ha giocato. Non mette piede in uno stadio dal 26 agosto, giorno della sconfitta dell’Inter a Roma con la Lazio. Prima di allora aveva segnato con il Lecce alla prima di campionato e servito un assist alla seconda, contro lo Spezia. Tre gare in tutto. Sei punti in tre partite. E in Champions non ha giocato nemmeno un minuto nelle prime quattro partite del girone, con cui l’Inter ha messo una seria ipoteca sul passaggio agli ottavi di finale, a danno del Barcellona. E qui viene il punto: risparmiare il numero 90 al Franchi, e lasciarlo alla Pinetina ad allenarsi, potrebbe significare averlo in forma mercoledì a San Siro nella gara già decisiva contro il Viktoria Plzen: vincendo, i nerazzurri sarebbero qualificati alla fase eliminatoria con una giornata di anticipo, indipendentemente dal risultato di Barcellona-Bayern Monaco.

Ancora fermo ai box anche Brozovic

A tenere Lukaku lontano dai campi da ormai quasi due mesi è un problema al flessore della coscia sinistra. Non gli era mai capitato in carriera uno stop così lungo:  oggi siamo a 53 giorni dal 28 agosto, giorno dell’infortunio. E sempre il flessore della coscia sinistra quest’anno è il tallone d’achille di Brozovic. Si è fatto male il 25 settembre, quasi un mese dopo il compagno. Da allora l’Inter ha giocato cinque partite: le due sfide col Barcellona e tre di campionato. La prima gara senza Brozo in regia è stata persa dalla squadra di Inzaghi, contro la Roma. Ma nelle due successive l’Inter è stato capace di centrare l’obiettivo che la scorsa stagione aveva sempre fallito: vincere anche senza il regista croato in campo. Contro Sassuolo e Salernitana, i nerazzurri hanno trovato vittorie convincenti. Questo spiega come mai Inzaghi, se da un lato non vede l’ora di recuperare due dei giocatori più forti della rosa, dall’altro sa che il loro reinserimento dovrà essere guidato e accompagnato, per non guastare il buon clima che si è venuto a creare in campo e di conseguenza in spogliatoio.

Fonte Repubblica.it

0 0 votes
Valutazione dell'articolo
Tienimi aggiornato
Notificami
guest
5 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
il Nerazzurro
Ospite
il Nerazzurro
1 mese fa

Era ora….

El cuchuuu
Ospite
El cuchuuu
1 mese fa

Ohhhh… La chat ha ripreso a funzionare, non mi postava più i commenti da qualche giorno.
Cmq, si con Lukaku è tutta un’altra cosa

La Diga Nerazzurra
Ospite
La Diga Nerazzurra
1 mese fa

Ottima notizia💪🏻💪🏻💪🏻ora riprendiamoci la vetta della classifica

Tre Punte
Ospite
Tre Punte
1 mese fa

Bene, bene, bene, in Champions deve esserci assolutamente è troppo importante la prossima partita