Inter-Empoli, nel primo tempo bene il Var: gol annullato a Zurkowski e rigore tolto ai nerazzurri. Proteste per un fallo duro di Barella

Inter-Empoli, nel primo tempo bene il Var: gol annullato a Zurkowski e rigore tolto ai nerazzurri. Proteste per un fallo duro di Barella

Inter-Empoli, nel primo tempo bene il Var: gol annullato a Zurkowski e rigore tolto ai nerazzurri. Proteste per un fallo duro di Barella

Nel primo tempo di Inter-Empoli, finito 2-2, c’è stato molto lavoro per il Var, Luca Banti. Dalla centrale di Lissone sono arrivati gli input, giusti, che hanno consigliato all’arbitro Gianluca Manganiello di annullare il gol del potenziale 2-0 dei toscani segnato da Zurkowski (rete arrivata 18 minuti dopo, firmata Asllani), di togliere un rigore ai nerazzurri per un presunto fallo in area su Barella e di non assegnarne uno ai padroni di casa dopo le proteste per una trattenuta sempre ai danni del centrocampista di Inzaghi.  

In occasione del gol di Zurkowski, si sono dovuti attendere molti secondi prima di una decisione da parte della squadra arbitra. Mentre la posizione del centrocampista di proprietà della Fiorentina era apparsa subito regolare, qualche dubbio lo ha destato quella di Pinamonti (a cui il polacco aveva servito la palla dell’1-0). Tracciate le linee, si è visto come il centravanti di Andreazzoli fosse, di poco, oltre la linea dell’ultimo difensore empolese davanti a Vicario e l’intervento di Perisic sul tiro non sana il fuorigioco. Giusto quindi annullare la rete.

Come è stato giusto non assegnare un rigore a Barella per una presunta spinta e annullare il penalty fischiato per un intervento di Parisi sul nerazzurro: al monitor Manganiello ha corretto la sua prima decisione. L’intervento è sul pallone e non sulla gamba dell’avversario.

L’unica pecca arbitrale, secondo i tifosi toscani, un cartellino mancato proprio per Barella all’avvio dell’azione del 2-2 di Lautaro, per un intervento ai limiti del regolamento. In questo caso il Var si è fidato del giudizio del direttore di gara, che non ha ravvisato un’entrata step on foot (piede a martello). Per questo non ha richiamato in cuffia l’arbitro.

Fonte Repubblica.it

Voglio essere avvisato
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments