Inter-Empoli, il più atteso è Pinamonti. In campo contro il suo passato

Inter-Empoli, il più atteso è Pinamonti. In campo contro il suo passato

L’uomo più atteso di Inter-Empoli, prossima tappa nella corsa scudetto fra le milanesi, è Andrea Pinamonti. Ad aspettarlo al varco sono soprattutto molti tifosi milanisti, che lo hanno messo nel mirino dopo le dichiarazioni seguite ai due gol che ha rifilato al Napoli lo scorso 24 aprile: “Spero che questa doppietta possa aiutare l’Inter a vincere di nuovo lo scudetto”. Sulle spalle del quasi 23enne di Cles, provincia autonoma di Trento, grava ora il peso di dimostrare di valere quel che Mino Raiola ha visto in lui quando ancora ragazzino lo ha accolto nella sua scuderia. Va bene che il suo cartellino è dell’Inter. Va bene che si professa tifoso interista. Ma in campo venerdì indosserà la maglia dell’Empoli, la squadra che finalmente lo sta lanciando davvero. In questo campionato ha segnato 12 reti, in una stagione in crescendo. E c’è da scommettere che vorrà mettersi in mostra per quel che vale, anche a costo di dare un dispiacere alla squadra che a nemmeno 22 anni lo ha reso campione d’Italia, seppur da panchinaro.

Giovani d’oggi, fra sogni e plusvalenze

Pinamonti, insieme agli ancor più giovani Satriano ed Esposito, fa parte di una leva di giovani punte interiste probabilmente destinate a essere sacrificate a logiche di mercato, prima o dopo. Difficile dire chi quest’estate saluterà definitivamente, chi sarà invece destinato a partire per un nuovo prestito e chi invece farà ritorno alla Pinetina. Molto dipenderà dalle offerte che il club nerazzurro riceverà per i propri baby talenti. D’altra parte, si sa, la coperta è corta e tenere tutti in rosa non si può. Se l’Inter non vuole perdere i big – Lautaro, Skriniar, Brozovic, Barella e Bastoni su tutti – fatalmente dovrà sacrificare qualche giovane. Già ma quali? E a che prezzo? Il cartellino di Pinamonti è quotato all’Inter almeno 20 milioni più bonus. Il giocatore piace senz’altro al Torino, forse al Sassuolo e sembra abbia estimatori anche in Francia e Germania. Quanto a Esposito, oggi al Basilea, potrebbe andare in prestito proprio all’Empoli oppure essere riscattato dagli svizzeri. Satriano, infine: in tredici partite nel Brest ha segnato 4 reti. Le stesse che ha fatto in stagione Correa, che  però fra tutte le competizioni ha messo piede in campo in 32 gare con l’Inter. Non un affarone.

La tentazione di guardarsi in casa

Oggi l’Inter è completamente concentrata sul finale di campionato, e ci mancherebbe altro. Per sperare di vincere lo scudetto da qui alla fine deve raccogliere tutti i 9 punti in palio contro Empoli, Cagliari e Sampdoria, sperando che il Milan non ne faccia più di 6 con Verona, Atalanta e Sassuolo. A stagione finita, qualsiasi sarà il verdetto, sarà il momento di ristrutturare la rosa. Tenendo conto che il mercato dovrà essere fatto in equilibrio, meglio anzi se con saldo attivo. Nonostante i manager nerazzurri abbiano messo in sicurezza il club dal punto di vista finanziario, ancora oggi l’Inter brucia una decina di milioni di cassa ogni mese fra ingaggi (sempre meno sopportabili quelli monstre di Sanchez e Vidal) e interessi sul debito. Per tutti i ruoli, ma in particolare per l’attacco dove i giocatori costano cari, Marotta, Ausilio e Baccin sul mercato dovranno aguzzare l’ingegno, come sono peraltro abituati a fare. Se è vero com’è vero che il Sassuolo chiede 40 milioni per Scamacca, e l’Inter è disposta a pagare circa la metà, non sarebbe allora meglio riportare a casa uno fra Pinamonti e Satriano, entrambi centravanti più che dignitosi e di belle prospettive? La logica delle plusvalenze dice che per dare ossigeno ai bilanci è sempre meglio vendere (iscrivendo subito all’attivo tutto l’incasso) e comprare (spalmando la spesa sugli anni di contratto) piuttosto che valorizzare i talenti che si hanno in casa. Ma davvero questo ragionamento fa il bene delle squadre?


Corsa Scudetto: il calendario di Milan, Inter, Napoli e Juve

  36a giornata 37a giornata 38a giornata
Milan 77 pt VERONA Atalanta SASSUOLO
Inter 75 pt Empoli CAGLIARI Sampdoria
Napoli 70 pt TORINO Genoa SPEZIA
Juve 69 pt GENOA Lazio FIORENTINA

Aggiornato il 2/5/2022. In maiuscolo le partite da giocare fuori casa

Classifica Serie A | Marcatori | Calendario completo Serie A


 

Fonte Repubblica.it

Voglio essere avvisato
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments