Inter-Empoli 4-2: Lautaro firma la rimonta nerazzurra, Milan scavalcato in vetta

Inter-Empoli 4-2: Lautaro firma la rimonta nerazzurra, Milan scavalcato in vetta

MILANO – Rieccola, l’eterna e inestirpabile pazza Inter. Andati sotto di due gol i nerazzurri hanno battuto l’Empoli 4-2 in una sorta di riedizione in grande stile – allora i gol furono in tutto tre – della sfida che nel 2019 portò un posto Champions alla squadra di Spalletti. Questa volta la vittoria consente all’Inter di rimanere in carreggiata, nonostante i vistosi sbandamenti, e poter sognare il sorpasso sul Milan. E permette di arrivare alla finale di Coppa Italia di mercoledì contro la Juventus con il morale alto. Ed è importantissimo, se è vero come dice Inzaghi che “a questo punto della stagione le motivazioni contano più di tecnica e tattica”. Avendo incassato due reti, l’Inter non ha più la miglior difesa del campionato. Avendo segnato la terza abbastanza presto, Inzaghi ha potuto intervenire con i cambi e far rifiatare i più stanchi.

<< La cronaca della partita >>

Uno-due Empoli, rimonta Inter

Nel primo tempo a San Siro è successo l’impensabile. Ha aperto le danze Pinamonti, che nelle rotazioni d’attacco dell’Inter farebbe tanto comodo. E ce lo si poteva anche aspettare. Quel che stupisce è che abbia segnato sfuggendo a Skriniar, evento tanto raro da sembrare paranormale agli occhi di chi è abituato a vederlo giocare. Poi è arrivato il rigore che non c’era, fischiato per l’Inter e annullato al Var. Quindi, prima della mezz’ora, il raddoppio di Asllani. E subito dopo non è stato fischiato un rigore che forse c’era, per uno spintone di Bandinelli sempre su Barella. Per rimettere l’Inter in sesto oltre alle grida, ora speranzose ora disperate, dei 70mila di San Siro, è servita l’autorete di Romagnoli. A quel punto i nerazzurri hanno cominciato a fare quello che avrebbero dovuto fare dall’inizio: martellare e ancora martellare. Così è arrivato il 2-2, con un lancio di Calhanoglu insaccato da Lautaro. Negli spogliatoi all’intervallo si è tornati sul pari, come se nulla fosse stato.

Lautaro sorpassa, Sanchez chiude

Nella ripresa è cominciata un’altra partita, più simile a quella che si sarebbe aspettati di vedere alla vigilia: tantissima Inter e qualche inevitabile ripartenza dell’Empoli contenuta dalla difesa interista. Il 3-2 interista, segnato sempre da Lautaro su involontario assist di Fiamozzi, è stato logica conseguenza di quel che si vedeva in campo, in una gara che fin lì di logico non aveva avuto praticamente nulla. Il vantaggio ha consentito a Inzaghi di dare fiato ai più spremuti, da Dumfries a Dimarco. E a gara finita è arrivato anche il gol di Sanchez a chiudere tutti i conti.

Ora la finale di Coppa Italia

Il prossimo passo è la finale di mercoledì, seconda partita di quest’anno ad assegnare un titolo dopo quella di Supercoppa. Stessi contendenti, e gli interisti si augurano anche stesso esito. Ma l’ex milanista Calhanoglu prima della partita ha messo in chiaro: “Quel che ci interessa è il campionato”. Prima la trasferta di Cagliari, poi la Sampdoria al Meazza. All’Inter restano 6 punti da raccogliere e la speranza che il Milan ne lasci 3 per strada.

Inter-Empoli 4-2 (2-2)
Inter (3-5-2): Handanovic; Skriniar, De Vrij, Dimarco (25′ st D’Ambrosio); Dumfries (31′ st Darmian), Barella, Brozovic, Calhanoglu (25′ st Vidal), Perisic; Lautaro (25′ st Dzeko), Correa (37′ st Sanchez) (21 Cordaz, 97 Radu, 5 Gagliardini, 8 Vecino, 13 Ranocchia, 18 Gosens, 88 Caicedo). All.: S. Inzaghi.
Empoli (4-3-2-1): Vicario; Fiamozzi (33′ st Benassi), Romagnoli, Luperto, Parisi; Asllani, Stulac (23′ st Ismajli), Bandinelli; Bajrami (15′ st Di Francesco, 23′ st Cutrone), Zurkowski (15′ st Henderson); Pinamonti (1 Ujkani, 22 Furlan, 16 Fazzini, 19 La Mantia, 21 Cacace, 35 Baldanzi, 42 Viti). All.: Andreazzoli.
Arbitro: Manganiello di Pinerolo.
Reti: nel pt 5′ Pinamonti, 28′ Asllani, 40′ Romagnoli (autorete), 45′ Lautaro; nel st 19′ Lautaro, 49′ st Sanchez.
Angoli: 15-2 per l’Inter.
Recupero: 2′ e 4′.
Ammoniti: Lautaro per comportamento non regolamentare.
Spettatori: 69.959.


Corsa Scudetto: il calendario di Milan, Inter, Napoli e Juve

  36a giornata 37a giornata 38a giornata
Milan 77 pt VERONA Atalanta SASSUOLO
Inter 75 pt Empoli CAGLIARI Sampdoria
Napoli 70 pt TORINO Genoa SPEZIA
Juve 69 pt GENOA Lazio FIORENTINA

Aggiornato il 2/5/2022. In maiuscolo le partite da giocare fuori casa

Classifica Serie A | Marcatori | Calendario completo Serie A


 

Fonte Repubblica.it

Voglio essere avvisato
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments