Il piano di Allegri: Juventus da scudetto entro Natale

TORINO – Allegri si sta fissando degli obiettivi di corto raggio: dopo quella che definì “sfida salvezza contro lo Spezia”, voleva arrivare alla sosta di ottobre in zona Europa League e c’è riuscito, grazie a tre vittorie consecutive, mentre entro la pausa di novembre, da cui lo separano cinque partite di campionato e due di coppa, confida di aver riportato la Juve in area Champions, da cui adesso dista quattro punti. Sta coltivando una filosofia minimalista, l’unica possibile fin quando la squadra non avrà trovato una quadratura definitiva. Ma è chiaro che Allegri è convinto di ritrovarsi per Natale di nuovo in lotta scudetto.

Gli esami contro Roma, Inter e Fiorentina

La risalita della Juve passa dalle sfide con le squadre che le stanno davanti, a cominciare da quella di domenica sera contro la Roma. Poi verranno Inter e Fiorentina. Finora i confronti diretti non sono andati troppo bene, con la sconfitta di Napoli e il pareggio interno con il Milan, ma Allegri è convinto che la squadra abbia adesso un altro piglio.

Massimiliano Allegri (agf)

Il rientro dei sudamericani

Inoltre, contro la Roma non si ripresenteranno gli stessi problemi che la Juve incontrò dopo la parentesi delle nazionali di settembre, quando andò al Maradona senza i sudamericani e senza Chiesa, rientrato acciaccato dalle fatiche azzurre. I bianconeri europei saranno tutti a disposizione tra oggi e domani, mentre McKennie, Bentancur, Cuadrado, Alex Sandro e Danilo saranno di rientro venerdì sera, comunque 48 prima della gara contro la Roma. Allegri potrà scegliere di schierare i più freschi: l’unico sacrificio potrebbe venire richiesto a Bentancur, dal momento che il contagiato Rabiot dovrà rimanere in isolamento fino alla settimana prossima e che a centrocampo la Juve non abbonda, vista la scarsa fiducia riposta in Ramsey e la forma ancora imperfetta di Arthur, comunque pronto per uno spezzone di gara. Qualche problema anche per McKennie, che ha saltato Panama-Usa per un fastidio muscolare ma che dovrebbe essere regolarmente in campo giovedì sera a Columbus contro il Costarica.

Allegri: “Con lo Zenit conta più del Chelsea”

Nei piani di Allegri, per i primi di novembre dovranno essere sistemate anche le faccende di Champions, rese più agevoli dalla vittoria allo Stadium contro il Chelsea. “Ma le due partite più importanti, quelle decisive per la qualificazione, sono le due con le Zenit”, ha già avvisato l’allenatore, inquadrando l’obiettivo minimo del secondo posto nel girone. La Juventus sarà a San Pietroburgo la settimana prossima, tra la partita con la Roma e la trasferta di San Siro con l’Inter: è una settimana chiave, ma l’allenatore è certo che non arrivi troppo presto. In ogni caso, saranno quelli i giorni cui riceverà risposte alle molte domande che ancora si pone.

Fonte Repubblica.it

Condividi
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x