Il gol, l’esultanza alla Curry e la faccia tosta: Kvaratskhelia, la scommessa (per ora vincente) del nuovo Napoli

Al momento stai visualizzando Il gol, l’esultanza alla Curry e la faccia tosta: Kvaratskhelia, la scommessa (per ora vincente) del nuovo Napoli

NAPOLI – Il suo secondo sport è il basket e Khvicha Kvaratskhelia sa bruciare con grande maestria anche la retina, tant’è che sui social non perde occasione per mostrare ai suoi fans – sempre più numerosi – la precisione chirurgica del suo tiro da tre. Per questo al Bentegodi gli è venuto naturale esultare come Stephen Curry, il suo idolo, imitando l’esultanza dell’asso dei Golden State Warriors dopo il gol di testa segnato al debutto in campionato contro il Verona. “Andate tutti a nanna tranquilli, ci penso io”. Poi il nuovo attaccante georgiano acquistato dal Napoli ci ha messo pure il carico da novanta dell’assist per Piotr Zielinski e davanti alla tv si è sfregato le mani soprattutto Aurelio De Laurentiis, che adesso comincia davvero a credere di poter vincere la scommessa più hard della sua rivoluzione estiva: rimpiazzare l’ex capitano Lorenzo Insigne – volato in Canada – con un rinforzo in saldi e poco conosciuto, ma a quanto pare di qualità.

L’eredità di Insigne

La sfida ovviamente è appena iniziata e la strada sarà la lunga. Ad attendere Kvaratskhelia ci sono i preziosi suggerimenti di Luciano Spalletti e soprattutto un fardello pesante di responsabilità, visto che il nuovo acquisto (low cost, 10 milioni il prezzo del suo cartellino) si dovrà fare carico dell’eredità di Insigne, l’ex capitano, da undici stagioni padrone quasi incontrastato della fascia sinistra azzurra. Sarà una bella sfida per l’attaccante georgiano, che a 21 anni avrà la chance di mettersi in evidenza per la prima volta in un campionato importante. Ma è una scommessa ad alto coefficiente di rischio pure per il Napoli, costretto dalla necessità di tagliare il monte ingaggi a mettersi alla ricerca di giocatori giovani e non ancora affermati, proprio come la stellina arrivata a fari spenti dall’Est.

L’anno zero del Napoli

Per il club di De Laurentiis è appena scattato l’anno zero, annunciato dall’addio di Insigne e anche di altri leader dello spogliatoio. È finito un ciclo e tocca a Spalletti traghettare la squadra verso quello nuovo, in cui le incognite saranno maggiori rispetto alle certezze. Kvaratskhelia però ha già dimostrato d’avere talento e tanta personalità, anche se avrà bisogno di tempo per farsi largo nel Napoli. I nuovi acquisti dovranno avere le spalle larghe, per aiutare la squadra a restare nelle zone alte della classifica, nonostante il regime di austerity che è necessario per far quadrare i conti.

Non solo talento

Kvaratskhelia è costato poco, è giovane e guadagna meno della metà rispetto a Insigne: il suo illustre e più ingombrante predecessore. Ma il nuovo attaccante georgiano ha dimostrato nel suo debutto in Serie A contro il Verona il talento, la personalità e anche quella dose di sfacciataggine che a giugno avevano spinto il Napoli a scommettere su di lui. Buono il biglietto da visita: un gol, un assist e l’esultanza alla Curry. Il campionato ha un altro uomo copertina.

Il gol, l'esultanza alla Curry e la faccia tosta: Kvaratskhelia, la scommessa (per ora vincente) del nuovo NapoliFonte Repubblica.it

0 0 votes
Valutazione dell'articolo
Tienimi aggiornato
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments