Il calcio secondo Dazn: un abbonato su quattro lo guarda sul cellulare

MILANO – Più di un quarto dei tifosi connessi a Dazn ha visto le partite sul piccolo schermo di uno smartphone. Lo dicono i dati di ascolto delle prime due giornate di Serie A resi noti dal broadcaster, che testimoniano come la fruizione del calcio stia cambiando. Da un lato c’è il calo netto del pubblico televisivo, come anticipato ieri da Repubblica (da 6,7 miloni di spettatori tradizionali a 3,4 milioni a distanza di una stagione). Dall’altra c’è la migrazione verso altri device. Via dal piccolo schermo per sceglierne uno ancora più piccolo: quello dello smartphone. Analizzando gli accessi alla piattaforma nelle 20 partite fin qui disputate, Dazn, che ha i diritti per trasmetterle tutte, rileva una percentuale fra il 27 e il 30 di connessioni tramite telefono. Una quota fra il 65 e il 68 per cento ha scelto una smart tv o un televisore connesso con set top box o fire stick. Gli altri, circa il 5 per cento, hanno scelto tablet e pc. Dazn parla di «svolta rivoluzionaria premiata dal pubblico che ha avuto la possibilità di seguire, ovunque si trovasse, la propria squadra».

I dati Nielsen: 4,7 milioni di utenti Dazn per la seconda giornata

Quanto ai dati assoluti, rilevati da Nielsen tenendo conto di tutti i dispositivi, sono 4,3 milioni gli italiani che fra il 21 e il 23 agosto hanno seguito su Dazn le gare della prima giornata di campionato. Per la seconda, fra il 27 e il 29 agosto, l’audience è salita a 4,7 milioni. E se al dato di Dazn si somma anche quello di Sky, che trasmette tre partite in coesclusiva per ogni turno, si sono raggiunti i 6 milioni di spettatori. Un dato che Dazn giudica positivo: «A condizioni estremamente diverse, con la partenza del campionato a settembre e gli stadi completamente chiusi, è in linea con quello ottenuto nel 2020-21».

Il calo degli spettatori tv: -48%

Per l’Auditel in tv gli ascolti (Dazn più Sky) sono calati del 48 per cento rispetto alla seconda giornata della scorsa stagione, quando la gara di cartello era Roma-Juventus. Sky quando poteva trasmettere 7 gare in esclusiva raggiungeva 5,4 milioni di spettatori, oggi con 3 partite in condominio si ferma a 1,6. Il raddoppio degli spettatori di Dazn, da 1 a 2,1 milioni (da 3 partite in esclusiva è passata a 7, più 3 in coesclusiva), non basta a compensare il calo totale di spettatori tv.
La gara che in questa stagione ha attratto più spettatori è stata Juventus Empoli, trasmessa in esclusiva su Dazn sabato 28 agosto alle 20.45. Fra tutti i dispositivi, ha avuto un milione di spettatori medi. Ma quando a trasmettere le partite sono sia Dazn sia Sky, per quanto riguarda la visione in tv gli spettatori preferiscono la piattaforma satellitare: secondo Auditel la partita serale Verona-Inter di venerdì 27 agosto su Sky ha avuto in media 755 mila spettatori, con 1,54 milioni di contatti unici, mentre Dazn si è fermata a 237 mila spettatori medi e 475 mila contatti unici. Una distanza che cresce sulle partite non di cartello. Fiorentina-Torino di sabato scorso (sempre dati Auditel) l’hanno vista in tv su Sky in 388 mila, su Dazn in tv in appena 28 mila. Un dato che non tiene conto di smartphone e altri dispositivi, che nel caso di Dazn influisce in modo più consistente rispetto a Sky, visibile sulle piattaforme Sky-Go e Now.

Ora la sfida per Dazn, dopo i problemi tecnici avuti nella partita d’esordio Inter-Genoa, è trasmettere senza intoppi i big match del prossimo 12 settembre: Milan-Lazio e soprattutto Napoli-Juventus. La rete di server Dazn Hedge è stata potenziata, come chiesto dalla Lega di Serie A.
©RIPRODUZIONE RISERVATA Fonte Repubblica.it

Condividi
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x
Available for Amazon Prime