Genoa e Samp, che amore. Boom di abbonamenti, con numeri da Europa

Genoa e Samp, che amore. Boom di abbonamenti, con numeri da Europa

Voglia di stadio, voglia di gol. Il derby si è trasferito dal campo alle biglietterie. Genova rossoblucerchiata ha risposto presente, non interessa la categoria o una campagna acquisti senza squilli, funzionale ad un auspicato cambio societario. Sono già oltre trentamila gli abbonamenti tra Genoa e Sampdoria, con i rossoblù, partiti in anticipo, a sedicimila. Sono dati importanti, considerando il momento congiunturale non certo positivo. La passione non finisce mai sotto la Lanterna, si alimenta nella rivalità, che non si assopisce, ma la voglia di stadio sembra una tendenza abbastanza diffusa.

L’Inter, ad esempio, ha già chiuso il 7 luglio la corsa ai circa 41.000 tagliandi stagionali disponibili e ha aperto la prelazione per la prossima annata. Anche il Milan, campione d’Italia, è avviato su numeri analoghi, solo nel 2008- 2009 questa barriera fu raggiunta da entrambi i club e si registrarono 40.238 e 44.158 abbonamenti per nerazzurri e rossoneri. Benissimo anche la Roma, volatilizzati i 36.000 abbonamenti, con il 93% di rinnovi e soprattutto il 40% sottoscritto da under 25, ma bene sta andando anche la rivale biancazzurra. L’obiettivo della Lazio è superare quota ventimila, l’ultima volta nel 2019 nel pre Covid.

La politica dei prezzi e delle tipologie di abbonamento di Genoa e Sampdoria ha finito per assecondare la voglia di calcio, un bene prezioso dopo lo stop legato alla pandemia. Una tendenza diffusa, con l’eccezione della Juventus, che ha posti disponibili anche in Curva Nord, per la politica di biglietti salatissimi. Gli ultras bianconeri hanno appeso striscioni ai cancelli dello stadio contro il presidente Andrea Agnelli e l’amministratore delegato Maurizio Arrivabene su questi temi e sulla tipologia di pubblico ricercata, con un prezzo minimo stagionale di 650 euro, il triplo rispetto alle altre big.

Sono valori da Premier, dove si passa dall’Arsenal, che per un posto all’Emirates parte da un minimo di 927 sterline (1.090 euro circa al cambio attuale) ai rivali cittadini del West Ham, che si accontentano di 299 sterline ( 351 euro circa). Facendo una media, le cinque big inglesi (Tottenham, Arsenal, Liverpool, Manchester United e Manchester City) chiedono una spesa a partire da 660 sterline ai tifosi per la stagione ( oltre 770 euro). Al contrario, il prezzo medio per l’abbonamento più economico tra Milan, Inter e Roma è pari a 241 euro, meno di un terzo rispetto ai top club inglesi. Dati interessanti, appena sotto il muro dei 20.000 abbonati, per Fiorentina, lontani rimangono, però, i 29000 del 2019, e Lecce, i salentini puntano ad un record storico. Bologna ed Atalanta, malgrado i quattromila posti persi a Bergamo, viaggiano, per ora, sui numeri della Sampdoria. Non mancano le note dolenti. Solo seimila tessere per la Salernitana, che sconta forse i 340 euro in curva come prezzo minimo.

Lo Spezia chiude a 4153, ma potrebbe riaprire per le tante richieste inevase. Dietro tutti c’è la Cremonese, matricola con circa duemila abbonati. Il Genoa guarda, invece, tutti d’alto, in cadetteria. Seguono il Palermo ( novemila abbonamenti), non certo una sorpresa, e Benevento a seimila. Molto bene è partita la vendita stagionale di Parma e Modena, che hanno già superato quota quattromila, sugli stessi numeri anche un’altra matricola, il Bari. Infine una curiosità: è partito benissimo l’esordiente Sudtirol, cinquecento tessere in due settimane, ed a Bolzano si sogna il tutto esaurito sistematico nel piccolo “Druso”.

A Genova si attende il rush finale. Il sogno, per una volta comune, è di superare quota ventimila, l’obiettivo indicato da Andres Blazquez, l’amministratore delegato rossoblù. L’ultima volta furono i blucerchiati a centrare questo traguardo, 20.058 nel 2012- 2013. Insieme si torna a tre anni prima, con 20.046 per la Sampdoria ed addirittura 24.289 per il Grifone, erano i tempi di Cassano, Motta e Milito.

Genoa e Samp, che amore. Boom di abbonamenti, con numeri da EuropaFonte Repubblica.it

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments