Fiorentina, Italiano: “Vlahovic? Il futuro è suo, finché è qui me lo godo”

La vittoria sul Milan ha confermato i grandi passi in avanti fatti in questa stagione dalla Fiorentina di Vincenzo Italiano. Ora i viola, con appena quattro punti di ritardo dal quarto posto dell’Atalanta, possono sognare la Champions grazie anche all’ottimo inizio di stagione di Dusan Vlahovic che, con la doppietta ai rossoneri, ha già messo a segno 10 gol in 13 giornate diventando il capocannoniere della serie A. Il serbo, però, è destinato ad andar via, forse già nella sessione invernale di calciomercato: “Non so come andrà a finire, ma il ragazzo scende in campo sempre concentrato e con la testa sulla Fiorentina. Questa situazione è iniziata in estate, sono sue questioni personali con la società”.

“Vlahovic via? Per ora me lo godo”

“Non so dire del suo futuro – prosegue Italiano ai microfoni di Radio Anch’io Lo sport -, ma è destinato a una grande carriera, per la passione e la ‘fame’ che ha e per come si allena. Ce lo stiamo godendo, speriamo resti con i piedi per terra”. La Fiorentina viene ora considerata l’ottava sorella di questo campionato: “Volevamo partire bene, lo abbiamo fatto nelle prime cinque giornate con quattro vittorie, poi abbiamo avuto un po’ di alti e bassi e dobbiamo cercare continuità. Ci siamo un po’ smarriti fuori casa, ora c’è il derby a Empoli, che sta facendo bene, però ci stiamo godendo questo momento bello: sabato sera eravamo rimaneggiati con giocatori fuori ruolo, se lo spirito è questo la Fiorentina quest’anno può sognare”.

“Il gruppo sta crescendo”

Anche perché la squadra toscana, rispetto allo stesso periodo della scorsa stagione, ha già dieci punti in più: “Siamo contenti di quello che stiamo facendo, siamo partiti con un progetto nuovo e un sistema gioco diverso. Non era semplice, la società ti mette in condizione di lavorare con grande serenità e gran merito della classifica è di un gruppo che sta crescendo e che merita quanto sta ottenendo”. Italiano, che lo scorso anno ha compiuto allo Spezia “un mezzo miracolo sportivo” portando i liguri alla salvezza, si esprime anche sulla corsa scudetto: “Per me è ancora l’Inter la più forte, fisicamente e qualitativamente, in tutti i reparti. Ha sostituti ancora più forti di chi va in campo dall’inizio, e anche la vittoria di ieri ha fatto capire che può ancora ambire allo scudetto”.

“Punti importanti in uno stadio pieno”

Poi il tecnico è tornato sul successo del Franchi col Milan: “E’ stata una bellissima serata, perché finalmente in casa abbiamo ottenuto punti importanti contro una grande squadra come il Milan, che non aveva ancora perso in campionato. Abbiamo fatto felice uno stadio finalmente gremito e in festa, contro Inter e Napoli avevamo fatto ottime prestazioni senza ottenere punti, sabato siamo stati bravi e la vittoria è stata meritata. Sul 3-0 la partita in teoria dovresti portarla a casa, come poi è successo – spiega il tecnico dei viola -. Ma Ibrahimovic ti castiga se gli dai spazio: è la forza del Milan che non molla mai, noi però siamo stati bravi a fare il 4-2 e il terzo gol l’abbiamo subìto a partita chiusa. Se il Milan avesse pareggiato mi sarei arrabbiato tantissimo, non sarebbe stato bello gettare via ancora punti”.

Fonte Repubblica.it

Condividi
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x
Available for Amazon Prime