“Escludete l’Iran dai Mondiali”: la lettere degli sportivi alla Fifa. E rispunta l’ipotesi di ripescaggio dell’Italia

Al momento stai visualizzando “Escludete l’Iran dai Mondiali”: la lettere degli sportivi alla Fifa. E rispunta l’ipotesi di ripescaggio dell’Italia

ROMA — Il Mondiale alle porte, i diritti delle donne iraniane calpestati, una lettera alla Fifa che chiede l’esclusione della nazionale di Teheran dal torneo e l’ipotesi di ripescaggio dell’Italia, che ritorna puntuale ad ogni scricchiolio. Nel contenitore della realtà c’è un documento ufficiale che attende una risposta del massimo organismo del calcio mondiale, in un altro sono finite presunte deadline su una decisione che farebbe scalpore seguita dalla clamorosa chiamata all’ultimo minuto della Nazionale azzurra. Tutto mixato dal frullatore dei social network. Facciamo chiarezza.

La lettera degli sportivi iraniani alla Fifa

Uno dei più prestigiosi studi legali dell’Iran ha inviato una lettera alla Fifa su iniziativa di sportivi ed ex sportivi che si battono per i diritti delle donne nel Paese asiatico. Dopo le rivolte seguite alla morte di Mahsa Amini e Hadith Najafi il documento chiede l’esclusione della nazionale iraniana dal Mondiale che inizierà il 20 novembre in Qatar perché “la brutalità e la belligeranza dell’Iran nei confronti del proprio popolo hanno raggiunto un punto critico, necessitano una dissociazione inequivocabile e ferma dal mondo del calcio e dello sport. L‘astinenza storica della Fifa dai pantani politici è stata spesso tollerata solo quando quelle situazioni non si trasformano in metastasi nella sfera calcistica. Il calcio, che dovrebbe essere un luogo sicuro per tutti, non è uno spazio sicuro per le donne e nemmeno per gli uomini. Alle donne – si prosegue – è stato costantemente negato l’accesso agli stadi in tutto il Paese e sistematicamente escluse dall’ecosistema del calcio in Iran”.

Le donne iraniane allo stadio

La lettera mette nero su bianco come quello che sta succedendo in Iran sia una chiara violazione dell’indipendenza che le Federazioni calcisitiche dovrebbero avere rispetto ai governi, come previsto dallo Statuto della Fifa. “Se le donne non sono ammesse negli stadi in tutto il Paese e la Federcalcio iraniana sta semplicemente seguendo e applicando le linee guida del governo, non possono essere viste come un’organizzazione indipendente e libera da qualsiasi forma o tipo di influenza. Questa è una violazione dell’articolo 19 dello statuto Fifa. La Fifa – si conclude – non dovrebbe consentire la partecipazione di un Paese che perseguita attivamente le sue donne, atleti e bambini solo per il fatto che esercitano i loro diritti umani più elementari”. Poco importa dunque se a fine agosto è caduto, formalmente, il divieto per le donne iraniane di entrare allo stadio dopo 40 anni: il loro ingresso, denunciano i firmatari del documento, non è consentito in tutti gli impianti del Paese, mentre per accedere agli altri sono state fissate regole ferree legate all’abbigliamento. In estate il regime di Teheran aveva ceduto su pressione della Fifa, a sua volta incalzata da attivisti e associazioni.

Italia ripescata al Mondiale: la situazione

In attesa di una risposta della Fifa, se mai arriverà, sui social network gli utenti italiani hanno subito collegato la richiesta di esclusione dell’Iran al possibile ripescaggio dell’Italia, prima per punteggio nel ranking tra le nazionali che non si sono qualificate al Mondiale. Addirittura individuando in domenica sera la deadline in cui il presidente Infantino prenderebbe la decisione di far fuori o meno l’Iran. E quindi stabilendo già la data della possibile festa azzurra. Che non ci sarà, perché il ripescaggio degli uomini di Mancini è solo una suggestione: qualora la Fifa escludesse clamorosamente l’Iran – a meno di un mese dal fischio d’inizio -, la wild card spetterebbe a una nazionale della Confederazione del Paese escluso. In queso caso, quindi, l’Asia. Nello specifico agli Emirati Arabi Uniti, che hanno perso il play-off contro l’Australia.

Fonte Repubblica.it

0 0 votes
Valutazione dell'articolo
Tienimi aggiornato
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments