E’ morto Walter Smith, leggenda dei Rangers ed ex ct della Scozia

Il calcio britannico, in particolare quello scozzese, piange la scomparsa di Walter Smith, avvenuta all’età di 73 anni. Ad annunciare la notizia sul proprio sito web e sui profili social è stato il Rangers Glasgow, club dove da allenatore aveva ottenuto i principali successi, diventando una sorta di leggenda con i 21 trofei conquistati in due differenti periodi in panchina.

Difensore di Dundee United e Dumbarton

Nato a Lanark il 24 febbraio 1948 e cresciuto calcisticamente a Carmyle, un sobborgo orientale di Glasgow, come difensore Smith ha vestito le maglie di Dundee United e Dumbarton per due stagioni, per poi tornare nella sua squadra d’origine, dove però nel 1977 un infortunio nella zona pelvica ha messo in forse il proseguimento della sua carriera, inducendolo ad alternare l’attività in campo con quella in panchina. Dopo tre ulteriori stagioni nel Dundee United, Smith chiuse con il calcio giocato nel 1980 dopo più di 250 partite di Lega e 3 gol segnati, vincendo un solo trofeo da calciatore, ovvero la Coppa di Lega scozzese 1979-1980.

Alla guida dei Rangers 6 titoli consecutivi

I primi passi da allenatore, appunto, furono mentre ancora giocava come assistente del manager Jim McLean. Come suo vice, guidò il Dundee Utd. alla vittoria nel campionato scozzese 1982-1983 e fino alla semifinale nella successiva Coppa dei Campioni, eliminato dalla Roma. Scelto nel 1978 come ct dell’Under 18 scozzese, Smith vinse con tale squadra il campionato d’Europa di categoria del 1982. Passò poi alla guida dell’Under 21 e, nel 1984, con l’incarico di allenatore in seconda di Alex Ferguson sulla panchina della nazionale maggiore, fece parte della spedizione scozzese ai Mondiali di Messico 1986. Dopo la rassegna iridata, in quell’estate Graeme Souness lo chiamò ai Rangers come suo assistente, incarico che ricoprì fino al 1991 quando, a seguito delle dimissioni di Souness, Smith assunse la responsabilità tecnica della squadra. Fu un’esperienza ricca di soddisfazioni: sei titoli di Scozia consecutivi (con i tre di Souness costituivano una striscia di nove per i Rangers), tre Coppe di Scozia, tre Coppe di Lega e un treble nel 1992-1993. Nell’ottobre 1997, dopo sei anni di completo dominio del calcio scozzese, Smith manifestò per la prima volta l’intenzione di abbandonare i Rangers, cosa che fece alla fine della stagione seguente, in cui per la prima volta fallì la vittoria del campionato, conquistato dagli storici rivali del Celtic. Nonostante quest’ultima sconfitta, a cui si unì anche quella in finale di Coppa di Scozia contro gli Hearts, Smith lasciò Ibrox con la reputazione di tecnico più vincente di Scozia, per tentare l’avventura in Premier League sulla panchina dell’Everton.

L’avventura all’Everton e da ct della Scozia

Smith si trovò a sostituire Howard Kendall alla guida di una squadra che aveva appena sfiorato la retrocessione in First division, salvandosi grazie alla differenza reti a spese del Bolton. La mancanza di fondi per acquistare nuovi giocatori e ringiovanire la rosa non permise al tecnico di ottenere i risultati sperati, tanto che nei tre anni successivi la squadra continuò a navigare nei bassifondi della Premiership. L’esperienza di Smith al club di Liverpool si concluse bruscamente con un esonero nel marzo 2002, con il team di Goodison Park coinvolto nella lotta per non retrocedere. Dopo due anni di pausa, nel marzo 2004 Smith fu chiamato da Alex Ferguson come suo vice sulla panchina del Manchester Utd., incarico che tenne fino al 2 dicembre 2004, quando assunse la direzione della nazionale scozzese in sostituzione del dimissionario Berti Vogts. Il 10 gennaio 2007 Smith è tornato ad allenare i Rangers nonostante il tentativo della federazione di non lasciarlo libero in una fase critica ai fini della qualificazione agli Europei 2008. Il 16 maggio 2011 Smith decise di lasciare i Rangers dopo la conquista del titolo, il decimo in carriera.

Fonte Repubblica.it

Condividi
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x
Available for Amazon Prime