E’ morto Van Moer: il regista del Belgio secondo a Euro 1980

ROMA – Il calcio belga è in lutto. E’ infatti morto, all’età di 76 anni per una emorragia cerebrale, Wilfried Van Moer, ex regista della Nazionale e considerato uno dei migliori giocatori della storia del suo paese. Fu uno degli finalisti a Euro 1980: secondo posto dietro la Germania Ovest, miglior risultato della nazionale belga.

Finalista a Euro 1980

Van Moer, campione nazionale per tre anni di fila con lo Standard Liegi dal 1968-69 al 1970-71, arrivò quarto nella classifica del Pallone d’Oro nel 1980, battuto solo dai tedeschi Karl-Heinz Rummenigge e Bernd Schuster e dal francese Michel Platini. Era l’anno dell’Europeo disputato in Italia dove il suo Belgio vinse il gruppo B affrontando proprio gli azzurri, l’Inghilterra e la Spagna: bastò una vittoria contro gli iberici (2-1) e due pareggi (1-1 con gli inglesi e 0-0 contro gli italiani) per raggiungere la finalissima di Roma. Lì però Van Moer e compagni, cedettero contro la Germania Ovest per 2-1 (doppietta di Hrubesch e gol del belga Vandereycken su rigore).

Tre volte Calciatore dell’anno in Belgio

Da calciatore, il centrocampista ha collezionato più di 500 presenze nelle squadre in cui ha giocato ed è stato nominato per tre volte Calciatore dell’anno (1966, 1969, 1970). Oltre ai tre titoli nazionali con la Standard Liegi, ha vinto anche una Coppa di Lega con lo stesso club nella stagione 1974-1975. Ha giocato inoltre con il Beveren, l’Anversa, il Beringen e con il Sint-Truiden (dove ha svolto il ruolo di allenatore-giocatore). In Nazionale ha totalizzato 57 presenze dal 1966 al 1982, con 9 reti. Nel 1996, per poco tempo, è stato anche ct del Belgio succedendo a Paul Van Himst.

Fonte Repubblica.it

Condividi
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x
Available for Amazon Prime