De Laurentiis: “Parlavo di un grande Napoli, ma nessuno mi credeva…”

  • Commenti dell'articolo:0 Commenti
  • Categoria dell'articolo:Serie A Repubblica.it
  • Tempo di lettura:5 minuti di lettura

NAPOLI – Primo in classifica in Champions League e in campionato. Il nuovo Napoli vola e Aurelio De Laurentiis inizia a togliersi dopo le forti contestazioni estive qualche sassolino dalle scarpe. Il presidente è stato infatti intercettato a margine della presentazione del docufilm Sophià e ha risposto in maniera piccata a una domanda sul calcio. “Non ho nulla da aggiungere, parlano già i fatti. C’è una mia conferenza stampa di luglio un cui avevo detto: allestiremo una squadra grande. All’epoca non ci ha creduto nessuno e invece…”. È la prima volta in cui riappare in prima linea il numero uno azzurro, che finora ha assistito dal vivo solo alla sfida all’Olimpico contro la Lazio e aveva commentato gli ottimi risultati della squadra di Luciano Spalletti al massimo con qualche tweet. Ma il clima sta cambiando e anche la riapertura della campagna abbonamenti è un segnale di disgelo tra la società e i tifosi, che nel frattempo sono ritornati in massa allo stadio. Ci sarà il pienone pure per l’anticipo di campionato del 1 ottobre al Maradona contro il Torino, alla ripresa dopo la sosta.

Tre giorni di riposo concessi alla squadra da Spalletti

Spalletti ha intanto concesso tre giorni di riposo al Napoli, con ben 15 giocatori convocati per gli impegni delle rispettive Nazionali. Ma uno è già tornato alla base: Matteo Politano, che ha abbandonato in mattinata il ritiro dell’Italia. Questo il comunicato del club. “L’attaccante azzurro, che domenica a San Siro contro il Milan aveva subito un trauma distorsivo alla caviglia destra, dopo la valutazione dello Staff medico della Nazionale tornerà all’SSCN Konami Training Center dove inizierà la riabilitazione”. Non si dovrebbe trattare comunque di un infortunio grave. Il giocatore spera di recuperare per il Torino ed è lo stesso obiettivo che hanno anche gli altri due convalescenti ancora in infermeria: Diego Demme e Victor Osimhen. Il centrocampista tedesco è praticamente pronto, per il bomber nigeriano bisognerà invece aspettare l’evoluzione dei prossimi giorni. 

Ndombele in crescita

Ma Spalletti sfrutterà la sosta anche per lavorare sulla condizione di Ndombele, che ha mostrato dei segnali di crescita nelle sue ultime apparizioni. Il tour de force di ottobre tra Champions e campionato sarà durissimo e c’è bisogno pure del francese per ottimizzare le rotazioni a centrocampo, dove finora Anguissa, Lobotka e Zielinski non hanno avuto ancora un attimo di respiro. 

De Laurentiis: "Parlavo di un grande Napoli, ma nessuno mi credeva..."Fonte Repubblica.it

0 0 votes
Valutazione dell'articolo
Tienimi aggiornato
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments