Conference League, Vitesse-Roma 0-1: guizzo di Sergio Oliveira, andata degli ottavi ai giallorossi

Conference League, Vitesse-Roma 0-1: guizzo di Sergio Oliveira, andata degli ottavi ai giallorossi

Il vento di crescita accompagna la Roma anche in Europa. Dopo i due 1-0 in campionato a spese di Spezia e Atalanta vince con identico punteggio anche ad Arnhem con il Vitesse e porta a 340′ l’imbattibilità di Rui Patricio. Una vittoria pesante che apre ai giallorossi le porte verso i quarti di Conference League. Al ritorno, tra una settimana all’Olimpico, l’importante sarà non perdere. La Roma non ha brillato come nelle ultime due uscite ma, se non altro, ha confermato i progressi compiuti sul piano della compattezza. Soprattutto nella ripresa quando ha dovuto difendere il vantaggio acquisito grazie al gol di Sergio Oliveira, a segno all’esordio anche in coppa dopo averlo fatto già in campionato.

<<la cronaca della partita>>

Mourinho dà fiducia a Veretout

Mourinho, al contrario di quanto annunciato alla vigilia, alla fine ha deciso comunque di attuare il turnover lasciando a riposo Smalling, Karsdorp, Cristante, Pellegrini e Zalewski. In difesa ha rilanciato dal 1′ Ibanez, sulle fasce ha schierato Maitland-Niles e Vina e in mezzo al campo ha proposto la coppia Oliveira-Veretout. Sul fronte opposto Letsch si è disposto a specchio con Grbic, preferito a Baden Frederiksen, quale partner del bomber Openda (16 gol in stagione).

Errore di Rui Patricio, Openda grazia i giallorossi

Complice il campo gibboso e l’aggressività degli avversari, la Roma ha faticato non poco nel primo tempo. Maitland-Niles e Vina hanno stentato a chiudere i cross dalle fasce di Wittek e Dasa, dai cui piedi sono nate le prime palle-gol, per Openda e Domgjoni, sulle quali Rui Patricio ha risposto presente. Su un altro traversone di Wittek, Grbic ha segnato con un destro al volo al 14′ ma si è fatto pescare in evidente fuorigioco. Il Vitesse, sospinto dal caloroso pubblico ha insistito e, complice il terreno sconnesso, è andato per altre due volte vicino al vantaggio: al 32′ Openda, sfruttando uno scivolone di Ibanez, ha sfiorato il palo con un destro dal limite poi, 2′ dopo, si è divorato l’1-0 da due passi non sfruttando un assist di Grbic, servito da un errato rinvio di Rui Patricio.

Oliveira sblocca il risultato nel recupero del primo tempo

Mai in grado di produrre una manovra ragionata, la Roma solo al 42′ è riuscita a calciare per la prima volta verso la porta: lo ha fatto con il solito Abraham il cui destro in girata è stato deviato in angolo con la punta delle dita da Houwen. La formazione giallorossa ha preso coraggio e in pieno recupero, sugli sviluppi di un angolo, è passata: un tiro da fuori di Vina, toccato da Zaniolo, è finito sui piedi di Sergio Oliveira che con un pronto sinistro in girata ha scaraventato il pallone sotto l’incrocio.

Aria nuova sulle fasce: fuori Vina e Maitland-Niles

Non contento di quanto visto nei primi 45′, Mourinho ha deciso di togliere Maitland-Niles, Vina e Veretout e li ha rimpiazzati con Karsdorp, El Shaarawy e Cristante. La Roma ha decisamente difeso meglio e per poco non ha raddoppiato al 66′: il campo stavolta ha giocato un brutto scherzo a Rasmussen che ha lisciato un pallone spalancando la porta ad Abraham; l’inglese ha tentato di scavalcare Howen con un pallonetto ma ha trovato poco prima della linea lo stesso Rasmussen pronto alla chiusura in mezza rovesciata. Mourinho ha tolto Zaniolo (non memorabile la sua centesima in giallorosso) per dar spazio a Pellegrini e la Roma è andata di nuovo vicina allo 0-2. Sugli sviluppi di un angolo, il capitano è andato via sulla sinistra e ha centrato per Mancini, che da buona posizione ha spedito di poco alto un colpo di testa.

Espulso Sergio Oliveira nel finale

In pieno controllo, la Roma si è un po’ complicata la vita nel finale: Sergio Oliveira ha rimediato due gialli nel giro di 8′ e ha lasciato i compagni in 10 al 78′. Mourinho ha ordinato il 5-3-1 inserendo anche Smalling per Mkhitaryan e la squadra ha rischiato solo su un colpo di testa, per la verità centrale, di Grbic. L’unica nota dolente è il giallo rimediato nei minuti finali da Mancini che, diffidato, salterà il ritorno. La Roma, però, può riuscire a passare anche senza di lui.

Il tabellino

VITESSE-ROMA 0-1 (0-1)
Vitesse (3-5-2): Houwen; Oroz (37′ st Bazoer), Doekhi, Rasmussen; Dasa, Bero, Tronstad, Domgjoni (37′ st Buitink), Wittek; Grbic, Openda (37′ st Fredriksen). In panchina: Schubert, Reiziger, Hajek, Gboho, Yapi, Huisman, Manhoef, Hernandez, De Regt. Allenatore: Letsch.
Roma (3-4-1-2): Rui Patricio; Mancini, Ibanez, Kumbulla; Maitland-Niles 5 (1′ st El Shaarawy), Veretout (1′ st Karsdorp), Oliveira, Vina (1′ st Cristante); Mkhitaryan (42′ st Smalling); Zaniolo (21′ st Pellegrini), Abraham. In panchina: Fuzato, Perez, Shomurodov, Bove, Darboe, Zalewski, Felix. Allenatore: Mourinho.
Arbitro: Raczkowski (Polonia).
Rete: 46′ pt Oliveira.
Ammoniti: Vina, Oroz, Oliveira, Mancini.
Espulso: Oliveira al 33′ st per doppia ammonizione.
Angoli: 5-4.
Recupero: 1′ pt + 3′ st.

Conference League, Vitesse-Roma 0-1: guizzo di Sergio Oliveira, andata degli ottavi ai giallorossiFonte Repubblica.it

Voglio essere avvisato
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments