Chi è Ionut Radu, il secondo portiere dell’Inter che ha commesso un errore decisivo a Bologna

Chi è Ionut Radu, il secondo portiere dell'Inter che ha commesso un errore decisivo a Bologna

Una sola presenza in campionato, che potrebbe costare lo scudetto all’Inter. Ionut Radu, secondo portiere nerazzurro, è l’attore non protagonista nel campionato della squadra di Inzaghi che a Bologna ha commesso un errore grave con i piedi che potrebbe mandare in fumo quanto costruito finora. Il giocatore romeno, 24 anni, ha giocato per un problema agli addominali sofferto dal collega Samir Handanovic.


Corsa Scudetto: il calendario di Milan, Inter, Napoli e Juve

  recupero 35a giornata 36a giornata 37a giornata 38a giornata
Milan 74 pt Fiorentina VERONA Atalanta SASSUOLO
Inter 72 pt BOLOGNA
(27 aprile)
UDINESE Empoli CAGLIARI Sampdoria
Napoli 67 pt Sassuolo TORINO Genoa SPEZIA
Juve 66 pt Venezia GENOA Lazio FIORENTINA

In maiuscolo le partite da giocare fuori casa

Classifica Serie A | Marcatori | Calendario completo Serie A


 

Per Radu quella del Dall’Ara è stata la seconda presenza quest’anno, dopo una in Coppa Italia contro l’Empoli. Inzaghi, come prima Conte, non lo ha mai preso in considerazione veramente, tanto da non rispettare l’usanza – abbastanza radicata nelle squadre di Serie A – del secondo che nella coppa nazionale gioca cercando di dimostrare di essere una valida alternativa.

Un portiere senza presente, ma anche senza futuro nerazzurro: l’Inter, per la prossima stagione, ha già preso Onana dell’Ajax. La sconfitta di Bologna non è però solo colpa sua: l’Inter ha deluso, come ha detto lo stesso Inzaghi nel post partita. Ora la corsa scudetto dipende dal Milan, due punti sopra i nerazzurri. Che per vincere il campionato devono recuperare ai rossoneri tre punti in quattro partite: in caso di parità titolo alla squadra di Pioli.

La carriera di Radu

Radu arriva in Italia nel 2012, a 15 anni. A scommettere su di lui è la Pergolettese. Che dopo sei mesi lo vende all’Inter raccogliendo subito i frutti di un’astuta operazione di mercato. Con gli Allievi nerazzurri il portiere vince subito il campionato e la Supercoppa italiana. La sua ascesa è rapida: il 14 maggio 2016 Roberto Mancini lo fa esordire in Serie A, al minuto 72 di Sassuolo-Inter 3-1 (le tre reti le aveva prese il collega Carrizo).

Ceduto e riacquistato dall’Inter

Dopo una stagione in B, in prestito all’Avellino, vive al Genoa la miglior parentesi della carriera. Un anno e mezzo dove gioca titolare dopo aver conquistato il posto ai danni di Federico Marchetti. Periodo in cui l’Inter lo cede alla società di Preziosi per otto milioni di euro, per poi ricomprarlo a più di dieci. Operazione, insieme ad altre riguardanti alcuni giovani del vivaio nerazzurro, finite nel mirino della Guardia di finanza come plusvalenze sospette.

Da qui in poi, Radu sparisce dal campo: sei mesi a Parma dove finisce a fare il terzo di Sepe e Colombi e due anni da vice Handanovic con quattro sole presenze. Per uno stipendio di 1,8 milioni di euro netti a stagione. Al termine della partita col Bologna è uscito in lacrime, protetto dai suoi compagni di squadra: se il guaio fisico di Handanovic dovesse tenere il portiere sloveno ancora fuori, Radu dovrà subito dimenticare Bologna. Lo scudetto potrebbe passare, ancora una volta, da lui.

Fonte Repubblica.it

Voglio essere avvisato
Notificami
guest
2 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
castigamatti
Ospite
castigamatti
25 giorni fa

un errore?
come uno che sbatte sull’angolo di un garage largo 4 metri?
come uno che ti porta una bistecca invece del risotto e non vede la differenza?
come un camionista esperto che esce di strada in rettilineo a 40 kmh e dice che é stato colpa della pioggia?
dopo un anno passato a lamentarsi che non lo facevano giocare, voi credete ancora che sia stato un errore?
consolarlo?
bisogna cacciarlo subito e fargli fare gli allenamenti da solo: 500 volte ricevere il pallone e passarlo ad un compagno.
venduto e traditore, indegno di qualunque maglia.

castigamatti
Ospite
castigamatti
25 giorni fa

se fosse un brasiliano, un portogherse, uno spagnolo, un inglese e forse un italiano o anche altri,,, potrei capire e credere che abbia fatto un errore.
i brasiliani, i portoghesi, gli spagnoli, gli inglesi (e anglosassoni) e anche gli italiani e altri amano il gioco del calcio: non potrebbero mai tradirlo cosí.
ma uno che si chiama radu e che ha protestato fino a ieri perché non lo facevano giocare abbastanza, ha l’occasione per mettersi in mostra (oltre a fare il suo dovere) e invece fa schifo come un pivellino dell’oratorio che guarda le margherite e inciampa su di un sasso?
non ci credo, non ci credo per niente che sia stato un errore.