Champions: vincono Liverpool e Bayern, Atletico Madrid ko. Si rilanciano Porto e Marsiglia

Al momento stai visualizzando Champions: vincono Liverpool e Bayern, Atletico Madrid ko. Si rilanciano Porto e Marsiglia
Champions: vincono Liverpool e Bayern, Atletico Madrid ko. Si rilanciano Porto e Marsiglia

All’inseguimento del Napoli capolista resta, nel gruppo A di Champions, il Liverpool che piega 2-0 i Rangers Glasgow. Nel girone dell’Inter, invece, mantiene il primato solitario il Bayern che passeggia (5-0) contro il Viktoria Plzen. Negli altri incontri della serata spicca la sconfitta dell’Atletico Madrid, battuto 2-0 a Bruges. Tornano in corsa per la qualificazione il Porto, che supera 2-0 il Bayer Leverskusen, e il Marsiglia che travolge (4-1) lo Sporting Lisbona. Infine pareggio a reti bianche (0-0) tra Eintracht Francoforte e Tottenham.

Alexander-Arnold e Salah rialzano il Liverpool

Il Liverpool ottiene in Champions le soddisfazioni che fatica a prendersi in Premier dove non vince dal 31 agosto. I reds piegano agevolmente, con un gol per tempo, i Rangers. A sbloccare il risultato pensa, dopo appena 7′ Alexander-Arnold che infila sotto l’incrocio una punizione a giro da 25 mt. Poi, dopo aver sciupato due ghiotte occasioni con Nunez, il Liverpool raddoppia al 53′ con Salah che trasforma un rigore concesso per un fallo di King su Luis Diaz.

Il Bayern passeggia con il Plzen: doppietta di Sané

Il Bayern risolve la pratica Viktoria Plzen in poco più di 20′. Sblocca il risultato già al 7′ Sané che conclude una bella azione personale, dopo uno scambio con Musiala, con un sinistro sotto la traversa dal limite. Al 13′ raddoppia Gnabry, lanciato in area da Goretzka. Quindi, al 21′, arriva il tris firmato Mané che vince un rimpallo al limite e batte Tvrdon con un sinistro sul primo palo. Episodio curioso al 36′: Musiala firma il poker su assist di Mané ma il Var annulla per un fuorigioco millimetrico sul quale restano davvero molti dubbi visto che il giocatore era praticamente in linea. Il 4-0 è comunque rimandato solo di pochi minuti (50′) ed è di pregevole fattura: controllo e sinistro in diagonale di Sané su lancio perfetto di Mané. Al 59′ arriva anche il 5-0, opera del subentrato Choupo-Moting, smarcato in area da Goretzka.

Adan disastroso, il Marsiglia travolge lo Sporting

Nel gruppo D cade la capolista Sportg Lisbona, travolta (4-1) a Marsiglia. In un Velodrome deserto (per la squalifica comminata dalla Uefa all’indomani dei violenti scontri prima della partita con l’Eintracht Francoforte nr) gli uomini di Tudor tornano in corsa per la qualificazione al termine di una gara iniziata con 15′ di ritardo a causa del tardivo arrivo allo stadio del pullman ospite, bloccato nel traffico. Pronti via e lo Sporting segna dopo nemmeno 1′ grazie a Trincao che si accentra da sinistra e batte Pau Lopez con un bel sinistro a giro dal limite. A rovinare la serata ai lusitani pensa il portiere Adan che in 11′ commette tre gravi errori che, di fatto, regalano la vittoria ai transalpini. Al 13′ attarda un rinvio e calcia il pallone addosso all’accorrente Alexis Sanchez che insacca involontariamente. Al 17′ effettua un altro rinvio corto consentendo a Under di liberare al cross Clauss per la testa di Harit. Infine, al 24′, esce male colpendo il pallone con la mano fuori area per anticipare l’accorrente Nuno Tavares e viene inevitabilmente espulso dall’arbitro Massa. Il subentrato Israel non fa molto meglio: dopo appena 3′ esce a vuoto su un angolo dalla sinistra di Harit e consente a Balerdi di anticiparlo di testa. All’85’, infine, chiude i conti Mbemba che riprende una corta respinta di Israel su un tiro-cross dalla destra di Sanchez. L’ex interista nel finale si è divorato il 5-1 a porta vuota mettendo un sinistro a lato dopo aver saltato anche il portiere.

Il Tottenham non va oltre lo 0-0 a Francoforte

Dietro allo Sporting restano Eintracht e Tottenham che non vanno oltre lo 0-0 nello scontro diretto a Francoforte. Gara equilibrata con due grosse occasioni per parte, sciupate da Knauff e Lindstrom da una parte ed entrambe da Son dall’altra.

Super Jutgla, il Bruges sorprende anche l’Atletico Madrid

Nel gruppo B continua a sorprendere il Bruges che infila la terza vittoria di fila piegando (2-0) anche l’Atletico Madrid. La squadra di Simeone 36′ manca una buona occasione con Morata e viene punita al 36′ da Sowah che insacca a porta vuota su centro dalla sinistra di Jutgla. Jutgla si esalta e, dopo essersi visto negare il gol da Oblak, si prende la rivincita al 62′ raddoppiando con un destro a fil di palo su assist all’indietro di Buchanan. La serata no dell’Atletico si completa al 76′ quando Griezmann spedisce sulla traversa un rigore concesso per un un fallo di Nielsen su Matheus Cunha.

Schick tradisce il Liverkusen, il Porto si rilancia

Nell’altra gara del girone si riscatta il Porto che aggancia il secondo posto piegando 2-0 il Bayern Leverkysen. Gara ricca di episodi da Var al do Dragao: al 12′ induce l’arbitro inglese Taylor ad annullare ai tedeschi un go di Hudson-Odoi viziato inizialmente da un fallo a centrocampo di Andrich su Evanilson. Poi, dopo un gol in contropiede di Taremi, fa tornare sui propri passi il direttore di gara perché l’azione era partita da un tocco con un braccio nella propria area di Carmo su un cross. Di conseguenza 1-0 cancellato e rigore per il Leverkusen che, però, Schick si fa parare da Diogo Costa. Il Porto tira un sospiro di sollievo e al 70′ sblocca il risultato con il subentrato Sanusi che insacca di testa su cross dalla destra di Taremi. Poi, all’86’ pensa Galeno a chiudere i conti con un destro in diagonale su altro assist di Taremi. Il Leverkusen ha chiuso in 10 per l’espulsione all’88’ di Frimpong per somma di ammonizioni.

Fonte Repubblica.it

0 0 votes
Valutazione dell'articolo
Tienimi aggiornato
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments