Champions: il Benfica ferma ancora il Psg, Manchester City e Real agli ottavi senza vincere

Al momento stai visualizzando Champions: il Benfica ferma ancora il Psg, Manchester City e Real agli ottavi senza vincere
Champions: il Benfica ferma ancora il Psg, Manchester City e Real agli ottavi senza vincere

La pessima serata della Juventus diventa ancora più buia dopo l’1-1 tra Psg e Benfica che allontana tutte e due di 5 punti dai bianconeri. Il Milan invece, pur sconfitto dal Chelsea, si consola in parte con l’1-1 tra Dinamo Zagabria e Salisburgo, che lo lascia padrone del suo destino nel gruppo E.

Sorprese a Copenaghen e a Varsavia

Non sono mancate le sorprese nelle altre gare della quarta giornata dei gruppi F e G: Manchester City e Real Madrid hanno pareggiato, centrando comunque l’obiettivo qualificazione con due turni d’anticipo. I campioni d’Inghilterra non sono andati oltre lo 0-0 a Copenhagen. I campioni d’Europa, col pensiero probabilmente anche al  ‘Clasico’ col Barcellona, in programma domenica in Liga, solo al quinto minuto di recupero hanno evitato la sconfitta a Varsavia con lo Shakhtar Donetsk. Del risultato ha approfittato il Lipsia che, vincendo 2-0 a Glasgow con il Celtic, si è portato al secondo posto. Infine il Borussia Dortmund ha bloccato sull’1-1 il Siviglia ipotecando la qualificazione.

Il Psg si fa ripendere dal Benfica

A Parigi il Psg, senza l’infortunato Messi, non è riuscito a battere il Benfica. Gli uomini di Galtier sono passati in vantagio al 39’ con il rigore di Mbappé, concesso per un fallo di Antonio Silva su Bernat. Il Benfica ha però pareggiato al quarto d’ora della ripresa con altro rigore, per un intervento di Verratti su Rafa Silva, segnalato dal Var all’arbitro inglese Oliver. Rete dell’ex interista Joao Mario e ottavi sempre più vicini.

Salisburgo bloccato a Zagabria

A Zagabria il Salisburgo non è riuscito a mantenere il primato nel girone del Milan. Avanti dopo 12′ con un destro in diagonale dal limite di Seiwald, si è fatto riprendere al 40’ da un sinistro da fuori di Ljubicic. Il guardalinee aveva segnalato un fuorigioco di posizione di Spikic ma l’arbitro tedesco Stieler, dopo aver rivisto l’episodio al monitor, ha giudicato la posizione ininfluente, malgrado fosse davanti a Kohn, per una precedente e decisiva deviazione di Pavlovic. Nella ripresa una traversa per parte: di Sucic per gli ospiti e di Bockaj su punizione per i croati.

Il City in 10 non riesce a vincere a Copenaghen

Il Manchester City, con Haaland in panchina per tutta la partita, non è andato oltre lo 0-0 a Copenaghen. Erano sei mesi che la squadra di Guardiola non terminava una partita senza segnare, dallo 0-0 a Madrid con l’Atletico dello scorso 13 aprile. Al Parken per ben tre volte è stato protagonista il Var portoghese Tiago Martins che ha rimediato all’arbitraggio incerto del connazionale Artur Dias. All’11′ lo ha indotto ad annullare un gran gol di Rodri (destro da 25 mt sotto l’incrocio) per un precedente fallo di mano di Mahrez. Al 24’ lo ha richiamato per segnalargli un tocco di braccio in area di Boilesen, inizialmente non rilevato, che ha portato al rigore che Mahrez si è fatto parare da Grabara. Infine, al 29’, ha fatto notare al collega una trattenuta di Sergio Gomez su Haraldsson lanciato a rete: di qui l’espulsione del difensore spagnolo. Il City ha comunque continuato ad attaccare ma nella ripresa ha mancato con De Bruyne, Cancelo e Alvarez le occasioni migliori per sbloccare il risultato.

Rudiger salva al 95′ il Real Madrid a Varsavia

A Varsavia il Real ha rischiato grosso. Dopo aver sciupato due occasioni nel primo tempo con Benzema e Rodrygo, è stato gelato a inizio ripresa da un colpo di testa di Zubkov su cross dalla sinistra di Mykhaylichenko. Lo Shakthar ha poi colpito una traversa a porta vuota con Lassina Traoré. In pieno recupero, il pareggio con un colpo di testa di Rudiger, in versione centravanti, che ha anticipato Trubin in uscita su un lancio di Kroos. Il tedesco però non ha festeggiato: è dovuto uscire col volto insanguinato per il colpo, terribile e involontario, ricevuto dal portiere ucraino in uscita.

Il Lipsia passa a Glasgow e sale al secondo posto

Nello stesso girone sorride il Lipsia che è passato nel finale a Glasgow. Il Celtic ha dominato nel primo tempo colpendo un palo con O’Riley e sciupando tre occasioni con Maeda, Haksabanovic e Furuhashi. Nella ripresa, dopo aver mancato una grossa opportunità con Orban, il Lipsia ha sbloccato il risultato alla mezz’ora con un colpo di testa di Werner su cross dalla sinistra di André Silva. Il Celtic è crollato e a sei minuti dalla fine ha incassato la rete di Forsberg su assist di Werner.

Il Dortmund tiene a distanza il Siviglia

Nel Gruppo G il Borussia Dortmund ha bloccato sull’1-1 il Siviglia mantenendo 5 punti di vantaggio sui rivali nella corsa qualificazione. Spagnoli avanti al 18’ con un colpo di testa di Nianzou, pareggio al 35’ di Bellingham. È finita così, anche perché l’ex romanista Lamela nella ripresa ha fallito la migliore occasione per riportare in vantaggio il Siviglia.

Fonte Repubblica.it

0 0 votes
Valutazione dell'articolo
Tienimi aggiornato
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments