Champions, anche Bayern e Bruges agli ottavi. Il Liverpool ne fa 7 ai Rangers

Al momento stai visualizzando Champions, anche Bayern e Bruges agli ottavi. Il Liverpool ne fa 7 ai Rangers

Dopo Real Madrid, Manchester City e Napoli, anche Bayern Monaco e Bruges raggiungono gli ottavi di Champions con due gare d’anticipo. I bavaresi, nel girone dell’Inter, hanno ottenuto la quarta vittoria di fila travolgendo di nuovo (2-4) il Plzen. Il Bruges ha centrato un traguardo atteso da 30 anni pareggiando per 0-0 a Madrid con l’Atletico. E’ quasi fatta anche per il Liverpool che, nel girone del Napoli, si è portato a un solo punto dagli ottavi travolgendo (1-7) a Glasgow i Rangers. Nel gruppo B dietro al Bruges è salito al secondo posto il Porto grazie al successo per 3-0 a Leverkusen. Il Tottenham di Conte ha battuto 3-2 in rimonta l’Eintracht Francoforte e si è portato in vetta al gruppo D grazie anche alla contemporanea sconfitta interna (2-0) dello Sporting Lisbona con il Marsiglia. E’ stata un’altra serata no per diversi arbitri: il Var è dovuto entrare spesso in azione per correggerli.

<< Le classifiche dei gironi >>

Bayern, altra goleada al Plzen

Come all’andata, il Bayern ha risolto la pratica Plzen già nel primo tempo: il risultato lo sblocca dopo appena 10′ Mané che batte Stanek al termine di una perfetta triangolazione al limite con Goretzka. Al 14′ è Muller a siglare il raddoppio insaccando da due passi su assist dalla sinistra di Coman. Poi arriva la doppietta in 10′ di Goretzka prima (25′) segna con un rigore in movimento su centro dalla destra di Muller e poi (35′) cala il poker con un tocco sotto su perfetto filtrante di Sané. Il Bayern si rilassa e nella ripresa consente al Viktoria di rendere meno pesante la sconfitta. I cechi accorciano per due volte le distanze: al 62′ con Vlkanova che batte Ulreich con un gran destro di controbalzo dal limite su torre all’indietro di Mosquera e al 75’con un bel sinistro in girata di Kliment su cross dalla destra di Holik.

Viktoria-Bayern, il gol del 4 a 0 di Goretzka Viktoria-Bayern, il gol del 4 a 0 di Goretzka
Viktoria-Bayern, il gol del 4 a 0 di Goretzka (afp)

Il Bruges blocca l’Atletico e fa festa

Il Bruges aveva bisogno di un punto per far festa e ha centrato l’obiettivo al Metropolitano. L’Atletico nel primo tempo sciupa due buone occasioni con Griezmann e Correa ma poi (40′) trema quando l’arbitro olandese Makkelie indica il dischetto del rigore per gli ospiti per una caduta in area di Buchanan, a contatto con Molina. Il connazionale Higler al Var, però, lo richiama segnalando che è stato l’esterno del Bruges a far fallo sul terzino argentino. Nella ripresa i colchoneros insistono ma non riescono con Lemar, Saul e Morata a superare l’attento Mignolet. Il Bruges ha chiuso in 10 per l’espulsione all’82’ di Sowah per somma di ammonizioni.

Il Liverpool travolge i Rangers, storica tripletta di Salah

Il Liverpool ha ipotecato il passaggio del turno umiliando i Rangers. Gli scozzesi s’illudono quando Arfield segna di destro in diagonale dal limite su assist di Jack (17′). I reds non si scompongono e già al 24′ pareggiano con un perfetto colpo di testa di Firmino su angolo dalla destra di Tsimikas. Al 55′ il centravanti brasiliano concede il bis con un tocco di sinistro sotto porta su cross dalla destra di Alexander-Arnold. Al 66′ Nunez mette al sicuro la vittoria con un preciso destro a giro dal limite su assist dello scatenato Firmino. A questo punto si scatena Salah che, in 6′, realizza la tripletta più veloce di sempre in Champions togliendo il record a Gomis che lo aveva stabilito in Dinamo-Zagabria-Lione del 2011 (3 gol in 7′): al 75′ raccoglie uno spiovente in area e infila McGregor con un preciso diagonale poi in 1′ (80′ e 81′) realizza altre due reti con due conclusioni di sinistro dal limite su altrettanti assist di Diogo Jota. All’88’, infine, pensa il Var a rendere giustizia al giovane Elliott che si era visto annullare l’1-7 per fuorigioco (inesistente) di partenza di Salah.

Rangers-Liverpool, Salah esulta dopo la rete del 6 a 1 Rangers-Liverpool, Salah esulta dopo la rete del 6 a 1
Rangers-Liverpool, Salah esulta dopo la rete del 6 a 1 (reuters)

Il Porto passa a Leverkusen, Valeri al Var salva l’arbitro Kovacs

Nel gruppo B il Porto scavalca l’Atletico Madrid nella corsa qualificazione passando per 3-0 a Leverkusen. A sbloccare il risultato pensa, dopo appena 6′, Galeno: raccoglie un lancio lungo di Diogo Costa, salta due uomini e batte Leno sul primo palo con un preciso dentro rasoterra. Al 15′ Valeri al Var fa giustizia dopo che l’arbitro rumeno Kovacs aveva preso un abbaglio ammonendo per simulazione Bakker che era stato steso in area d Uribe. Rigore netto che, però, Demirbay fallisce facendosi respingere la conclusione da Diogo Costa. Il Var entra in azione anche al 36′ per annullare l’1-1 di Schick che si trova, tra l’altro, in posizione di fuorigioco davanti a Diogo Costa dopo aver deviato in rete con un braccio un sinistro di Adli. Al 53′ tocca ancora a Valeri dover correggere Kovacs che aveva accordato una punizione al limite al Porto per un fallo, in realtà avvenuto all’interno dell’area, di Adli su Galeno. Dopo la revisione si va sul dischetto e Taremi raddoppia. Al 63′ Kovacs completa la sua serata da incubo concedendo un rigore assai dubbio per un lieve contatto in area tra Kossounou e Galeno. Sul dischetto si presenta ancora Taremi che coglie così l’occasione per realizzare un’importante doppietta.

Bayer-Leverkusen, l'esultanza di Taremi dopo il 3 a 0 Bayer-Leverkusen, l'esultanza di Taremi dopo il 3 a 0
Bayer-Leverkusen, l’esultanza di Taremi dopo il 3 a 0 (reuters)

Il Tottenham piega in rimonta l’Eintracht e va in vetta

Il Tottenham va in vetta al gruppo D grazie al successo in rimonta sull’Eintracht. Gara in salita per gli Spurs che vanno sotto al 14′: palla recuperata in pressing alto e gol da due passi di Kamada su assist di Rode. Passano appena 5′ e il Tottenham pareggia con un preciso rasoterra di Son lanciato in porta da Kane. Gli uomini di Conte capovolgono il risultato al 27′ con l’aiuto del Var che manda al monitor lo spagnolo Del Cerro Grande per rivedere la decisione di non concedere il rigore dopo una robusta spallata di Jakic a Kane. L’arbitro cambia idea e comanda il rigore che lo stesso Kane non sbaglia. Al 36′ arriva anche il 3-1 firmato ancora da Son con un gran sinistro al volo sotto la traversa su cross dalla destra di Hojbjerg. Al 60′ le cose si complicano ulteriormente per i tedeschi: Tuta rimedia il secondo giallo e lascia i suoi in 10. Malgrado l’inferiorità numerica l’Eintracht accorcia le distanze all’87’ con un colpo di testa di Alidou su angolo di Gotze. Il Tottenham avrebbe l’occasione per ristabilire le distanze al 91′ dopo un rigore accordato per un fallo di Smolcic su Bryan Gil ma Kane dal dischetto calcia alto.

Tottenham-Eintracht, Harry Kane esulta dopo aver realizzato il 2 a 1 Tottenham-Eintracht, Harry Kane esulta dopo aver realizzato il 2 a 1
Tottenham-Eintracht, Harry Kane esulta dopo aver realizzato il 2 a 1 (ansa)

Il Marsiglia batte ancora lo Sporting e aggancia il secondo posto

Il Tottenham ringrazia anche il Marsiglia che ha espugnato Lisbona agganciando al secondo posto lo Sporting. La svolta del match arriva solo dopo 19′: Ricardo Esgaio rimedia il secondo giallo dopo aver fermato in area il lanciato Harit e provoca rigore ed espulsione. Sul dischetto va Guendouzi che sblocca il risultato. Al 31′ il guardalinee annulla il raddoppio di Sanchez su centro di Hart per fuorigioco di quest’ultimo ma il Var rivede la decisione poiché il marocchino era, in realtà, partito in posizione regolare. Lo Sporting s’innervosisce e, di fatto, alza bandiera bianca già al 61′ quando resta in 9 per l’espulsione di Goncalves, capace di rimediare due gialli nel giro di 1′.

Fonte Repubblica.it

0 0 votes
Valutazione dell'articolo
Tienimi aggiornato
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments