Calendario e lotta scudetto: Milan e Inter si giocano tutto in quattro partite

Calendario e lotta scudetto: Milan e Inter si giocano tutto in quattro partite

La sconfitta dell’Inter a Bologna è una tappa chiave nella lotta scudetto della Serie A. Un punto di svolta. D’ora in poi, infatti, tutto dipenderà dal Milan. Mancano quattro partite alla fine del campionato: con dieci punti i rossoneri sono matematicamente campioni d’Italia. L’Inter, per il controsorpasso, deve vincerle tutte e sperare o in una sconfitta della squadra di Pioli, o in due pareggi. In caso di arrivo a pari punti, il tricolore si tingerà comunque di rossonero. Le speranze di Napoli e Juventus sono tenute in piedi solo dai numeri, ma ormai Spalletti e Allegri sono fuori dai giochi. Per poco, però: i bianconeri, se avessero battuto l’Inter nello scontro diretto, sarebbero oggi a pari punti con gli uomini di Inzaghi.

Classifica | Calendario | Marcatori

Milan-Inter, quattro partite per lo scudetto

A dicembre, con l’Inter campione d’inverno, si analizzava il cammino nerazzurro tabelle alla mano. L’esordio del calendario asimmetrico aveva regalato ai nerazzurri – sulla carta – delle settimane tra febbraio e marzo ricche di scontri diretti con le altre big, poi un finale con squadre di medio-bassa classifica. Il Bologna nel recupero, l’Udinese a Firenze, il Torino a Bergamo, il Sassuolo che cede alla Juve solo nel finale, hanno però insegnato che non esistono partite facili. Né tantomeno dal risultato scontato.

Giornata 35

Il primo dei quattro ostacoli del Milan è la Fiorentina a San Siro. La squadra di Italiano, ancora in corsa per un posto in Europa, arriva a Milano con tanta voglia di riscattare le sconfitte con Salernitana e Udinese. E proprio in casa dei friulani, che stanno vivendo un momento di forma eccezionale, giocherà l’Inter. Il Napoli attende il Sassuolo al “Maradona”, la Juventus ospita il Venezia.

Milan-Fiorentina (1° maggio, ore 15)

Udinese-Inter (1° maggio, ore 18)

Giornata 36

Alla terzultima di campionato le milanesi se la vedranno con due squadre tranquille solo sulla carta. Perché il Verona, che ospiterà il Milan, e l’Empoli, atteso a San Siro dall’Inter, sono due delle rivelazioni di questa Serie A. E affronteranno le prime della classe senza aver nulla da perdere. Napoli in Piemonte dal Torino, la Juve a “Marassi” dal Genoa.

Inter-Empoli (6 maggio, ore 18.45)

Verona-Milan (8 maggio, ore 20.45)

Giornata 37

Il penultimo turno, che potrebbe risultare già decisivo, è forse il più delicato per Milan e Inter. I rossoneri ospiteranno l’Atalanta, alla ricerca di un piazzamento europeo (anche se non in Champions come lo scorso anno). I nerazzurri voleranno invece a Cagliari, squadra impegnata nela lotta salvezza. Quindi estremamente pericolosa. Il Napoli ospita il Genoa, la Juventus la Lazio per l’ultimo match stagionale in alta quota.

Milan-Atalanta (15 maggio, ore 18)

Cagliari-Inter (15 maggio, ore 20.45)

Giornata 38

L’ultima giornata, roba per cuori forti. Il Milan di Pioli sarà ospite del Sassuolo a Reggio Emilia. Sassuolo a cui vorrebbe strappare almeno uno dei suoi gioielli, che ci terranno quindi a far bella figura. L’Inter aspetta invece a San Siro la Sampdoria, che potrebbe ancora essere impegnata nella lotta per non retrocedere. Ultima uscita del Napoli a La Spezia, mentre la Juventus, e l’ex Vlahovic, sono attesi a Firenze.

Sassuolo-Milan (da definire)

Inter-Sampdoria (da definire)

Il calendario giornata per giornata

MILAN: Fiorentina a San Siro, Verona al Bentegodi, Atalanta in casa, Sassuolo a Reggio Emilia.

INTER: trasferta a Udine, Empoli a Milano, Cagliari fuori casa, Sampdoria a San Siro.

NAPOLI: Sassuolo al Maradona, fuori casa col Torino, Genoa a Fuorigrotta, trasferta a La Spezia.

JUVENTUS: Venezia allo Stadium, Genoa a Marassi, Lazio in casa, trasferta a Firenze.

Cosa succede in caso di arrivo a pari punti?

Se Milan e Inter dovessero chiudere la stagione in testa a pari punti, lo scudetto andrebbe alla squadra di Pioli. Il motivo è semplice: i rossoneri sono in vantaggio negli scontri diretti: pareggio per 1-1 all’andata, vittoria per 2-1 al ritorno grazie alla doppietta di Giroud.

Fonte Repubblica.it

Voglio essere avvisato
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments