Cagliari-Empoli 0-2: Di Francesco e Stulac riportano i toscani alla vittoria

CAGLIARI – L’Empoli ha le idee chiare, il Cagliari non ancora. Gli azzurri trovano il secondo successo esterno del loro campionato dopo quello prestigioso allo Stadium: lo fanno con Aurelio Andreazzoli che decide di stravolgere l’undici titolare, dando spazio a tantissime seconde linee in un infrasettimanale che si preannunciava particolarmente delicato. Ma l’Empoli è una squadra che da anni manda a memoria lo stesso spartito, mentre Walter Mazzarri deve ancora trovare la strada giusta per i suoi: alla fine, meritatamente, vincono i toscani, con le reti di Di Francesco nel primo tempo e di Stulac nel secondo. I padroni di casa sono parsi in partita solamente nei primi 20 minuti della ripresa, troppo poco per sperare di ottenere qualcosa.

<<La cronaca della gara>>

Le scelte

Mazzarri conferma la difesa a 4, con Walukiewicz dirottato in fascia in difesa e il duo Keita-Joao Pedro davanti. Andreazzoli, come già accennato, cambia moltissimi uomini. A centrocampo, con i soliti Ricci e Haas, c’è spazio per Zurkowski e Henderson, con questi ultimi in grado di scambiarsi la posizione tra centro-sinistra e trequarti. Davanti la doppia novità è l’inedito tandem Di Francesco-Pinamonti, con l’ex Inter a lavorare molto e bene spalle alla porta. La partita è bloccata per i primi 20 minuti, poi la qualità del possesso palla empolese emerge. Non appena i toscani alzano i ritmi, il Cagliari presta il fianco. Prima è un cross di Marchizza, arrivato al termine di una bella azione palla a terra, a spaventare i sardi: Di Francesco, arrivato in ritardo per una frazione di secondo, si riscatta subito dopo, trovandosi al posto giusto sull’invito di Haas per insaccare il pallone del vantaggio, aiutato da una deviazione in mischia.

L’assalto non basta

Mazzarri si affida ai suoi due uomini di maggiore esperienza a inizio ripresa. I rientranti Godin e Strootman danno un altro peso al Cagliari, che rientra in campo per azzannare gli avversari. Al quarto d’ora il pareggio è nell’aria, prima per una mancata di deviazione di Joao Pedro su cross di Lykogiannis, quindi per il palo colpito da una pregevole conclusione di Keita. Un paio di ritocchi dalla panchina e l’Empoli torna a volare. Ismailj si piazza terzino destro a garantire copertura, Stulac al posto dell’acciaccato Ricci inventa la rete del 2-0 con un sontuoso destro da fuori area, qualche istante dopo che Cragno aveva salvato la porta con un miracolo su Zurkowski. Mancherebbero ancora 25 minuti, ma il Cagliari non c’è. Henderson sfiora il gol dell’anno con un destro da 40 metri che sorprende Cragno e si schianta sulla traversa, il neo-entrato Bajrami fa impazzire Dalbert e mette ancora a dura prova i legni della porta rossoblù. Andreazzoli è sereno al triplice fischio, Mazzarri si copre il volto con il viso. L’emblema di due squadre in questo momento più distanti tra loro di quanto dica la classifica.

CAGLIARI-EMPOLI 0-2 (0-1)
Cagliari (4-4-2): Cragno; Walukiewicz (25’ st Caceres), Ceppitelli (40’ st Pavoletti), Carboni (1’ st Godin), Lykogiannis (32’ st Pereiro); Nandez, Deiola (1’ st Strootman), Marin, Dalbert; Joao Pedro, Keita. All: Mazzarri
Empoli (4-3-1-2): Vicario; Stojanovic (19’ st Ismailj), Viti, Romagnoli, Marchizza; Haas (38’ st Asllani), Ricci (19’ st Stulac), Henderson; Zurkowski; Di Francesco (38’ st Bajrami), Pinamonti (42’ st La Mantia). All.: Andreazzoli
Arbitro: Di Bello
Reti: 29’ pt Di Francesco, 24’ st Stulac
Ammoniti: Zurkowski, Godin, Nandez
Recupero: 2’ e 5’

Fonte Repubblica.it

Condividi
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x