Brozovic si ferma e rischia un mese di stop. Inter, scocca l’ora di Asllani?

Al momento stai visualizzando Brozovic si ferma e rischia un mese di stop. Inter, scocca l’ora di Asllani?

Brozovic si ferma e rischia un mese di stop. Inter, scocca l'ora di Asllani?

Sarà finalmente arrivato il momento di Asllani in regia? Se lo chiedono i tifosi interisti, da quando nella partita in trasferta con l’Udinese, Marcelo Brozovic, diffidato, si è fatto ammonire. Dovrà saltare la gara di sabato con la Roma e in qualche modo andrà rimpiazzato. La questione assume ancor maggiore importanza ora che il centrocampista croato, in campo con la sua nazionale contro l’Austria in Nations League, si è fermato per un infortunio muscolare alla coscia sinistra. Le sue condizioni sono da valutare, ma è praticamente certo che salterà anche la sfida Champions di martedì 4 ottobre contro il Barcellona. E sono a rischio gli appuntamenti successivi, di campionato e di coppa: Sassuolo-Inter dell’8 ottobre, il ritorno coi blaugrana in Catalogna quattro giorni dopo, e Inter-Salernitana, a metà mese. Non è escluso che possa fermarsi per un mese, ma una risposta certa ancora non c’è. Oggi il giocatore si sottoporrà a risonanza magnetica in Croazia e da domani sarà valutato dallo staff medico nerazzurro, guidato dal dottor Piero Volpi.

Gli esperimenti in regia

Nella scorsa stagione, nei rari casi di indisponibilità di Brozovic, Simone Inzaghi lo ha dovuto rimpiazzare in maniera creativa. Al tempo, infatti, non aveva in rosa un regista di ruolo adatto a piazzarsi davanti alla difesa e smistare palloni. Il titolarissimo numero 77 dell’Inter nel girone di ritorno saltò per squalifica la gara in casa con il Sassuolo, e per un dolore al polpaccio non partecipò nemmeno a quelle con Torino e Fiorentina. Risultato: un punto in tre partite e tanta confusione. L’allenatore provò a rimpiazzarlo ora con Barella, ora con Calhanoglu, entrambi ottime mezzali, poco abituati a passare la palla velocemente al primo compagno libero. Proprio per uscire da questa impasse tattica, in estate l’Inter ha preso in prestito dall’Empoli (con obbligo di riscatto) il ventenne albanese Kristjan Asllani, adatto a occupare quella casella che Inzaghi non era riuscito a occupare in altro modo.

La candidatura Asllani

Dal canto suo, il giovane ha fatto e sta facendo tutti i passi giusti per farsi apprezzare da tecnico e tifosi, e per dimostrare che quel posto lo merita. Dal ritiro dell’Albania, nei giorni scorsi ha rilasciato una dichiarazione in cui si è dimostrato un ragazzo umile e di assoluto buon senso: “Trovo normale che io non abbia giocato molto finora all’Inter. Ho vent’anni e sono arrivato in una squadra davvero forte. Devo avere pazienza, perché un bravissimo giocatore come Brozovic gioca nel mio ruolo e sto imparando molto da lui. Intanto mi godo le partite con la nazionale, poi non so cosa succederà. Mi alleno bene, sono un professionista: quando ne avrò l’occasione darò il massimo”. Ora però, con l’infortunio di Brozovic, potrebbe esserci davvero bisogno di lui. Sempre che Inzaghi, come gli chiedono di fare i tifosi, trovi il coraggio di schierarlo, nonostante fino a oggi gli abbia concesso solo 6 minuti con il Viktoria Plzen in Champions, altrettanti con lo Spezia e 18 con la Cremonese. E sempre si è dimostrato pronto. Per il resto, grandi problemi di formazione non dovrebbero essercene: tanto Lukaku quanto Calhanoglu stanno recuperando e contro la Roma dovrebbero essere in campo.

Fonte Repubblica.it

0 0 votes
Valutazione dell'articolo
Tienimi aggiornato
Notificami
guest
2 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
castigamatti
Ospite
castigamatti
2 mesi fa

“Inter, il Chelsea fa sul serio per Dumfries: 50 milioni a gennaio, resterebbe in prestito
SUBITOOOOO!!!

50 milioni per questo brocco non ce li dará piú nessuno.
corre, corre, ma quando arriva al limite dell’area non sa mai cosa fare: PALLA PERSA!

castigamatti
Ospite
castigamatti
2 mesi fa

brozo gioca da un anno e mezzo senza interruzioni.
era prevedibile.
hanno preso asllani per sostituirlo.
ora lo facciano giocare senza lamentarsi.

se i dirigenti non hanno ancora capito che i giocatori chiamati in nazionale per i mondiali, quest’anno renderanno poco nel club, vuol dire che sono degli incompetenti.