Bologna-Salernitana 3-2: De Silvestri fa il bomber, i rossoblù vincono in 9

BOLOGNA – Trentaquattro gradi all’ombra, la temperatura esterna alle 18,30. Lucifero si insidia anche nell’animo della squadra di Mihajlovic, impaurita dai cinque schiaffi subiti in coppa e da una situazione – nella costruzione della squadra – abbastanza singolare. Il progetto Bologna non decolla. Ma almeno vince, il Bologna. E questo è un dato, vince con il bomber che non ti aspetti, Lollo De Silvestri mostra la specialità della casa, il colpo di testa su angolo. Vince il Bologna, ma forse è più la Salernitana a perdere: bella nella sua umiltà, la matricola subisce la sindrome di Icaro. Vicina al sole, si scioglie. Già, la piccola Salernitana, che è stata sul ciglio del burrone fino a un mese fa, o trovava un compratore o spariva, vive il debutto in serie A come può farlo una sopravvisuta. Tutto quello che viene è benedetto. In bilico fa bene, in vantaggio rabbrividisce. Mihajlovic e Castori, famosi per il loro temperamento, per motivi uguali ed opposti si trovano a dover tenere tirato il freno del loro pallone. 

<<La cronaca della gara>>

Medel guida la difesa 

Dopo la figuraccia con la Ternana, Mihajlovic non cambia modulo. C’è Hickey a sinistra, là dove ci sono meno alternative. De Silvestri sul lato opposto, sarà il caldo ma gli esterni non imprimono alcuna spinta. Medel il “perdonato” fa coppia con Bonifazi, Soumaoro è il sacrificato. La regia è sempre affidata a Schouten e a Dominguez, più conservativo di Svanberg. 

Castori controlla il match nei primi 45′

La Salernitana gioca la carta della superiorità a centrocampo, 3-5-2, e il gioco premia per tutti i primi 45’ visto che Belec non deve prodursi in alcun intervento. Skorupski deve invece smanacciare una punizione di Bonazzoli resa insidiosa da una deviazione della barriera che fa cambiare traiettoria alla palla. E’ il prodotto interno lordo del primo tempo, con Arnautovic che fa il pendolino ignorato dagli altri e Gyomberg cancella o quasi Barrow. 

Ingenuo Strandberg

Il match è tuttavia segnato dalla ingenuita di Strandberg, esperto centrale norvegese che in una manciata di attimi, a fine primo tempo, viene espulso. Una doppia ammonizione ingenua, una spinta a Orsolini, che prova a partire in campo aperto da posizione defilata, un mani a braccia allargate su tiro di Arnautovic che poi come un maestrino gli spiega che è questione del nuovo regolamento. Quello che non mette più l’entrata sulla palla come discriminante per stabilire se un’entrata è fallosa. Ritmi molto slow, ma giocare ad agosto alle 18 e 30 è scelta assurda. In tribuna Mancini osserva e sbadiglia, Saputo sorride. Ma chissà mai perchè…

Dopo il riposo, i gol

E’ la ripresa ad accendere il match in termini di gol. Sette minuti e Rapuano diventa protagonista. Chiamato a rivedere un contatto in area tra Soriano e Djuric, opta per la gomitata fallosa del capitano rossoblù, indica il dischetto e invita Soriano a lasciare il campo. Il Bologna si ritrova così a inseguire e in dieci. Perchè Bonazzoli dal dischetto porta avanti la piccola fiammiìferaia. Sognano i mille tifosi campani, ma l’illusione dura sette minuti, poichè al 59’ De Silvestri inaugura la sua serata da incorniciare, incorn ando un angolo battuto con i giusti giri da Sansone, subentrato a un evanescente Barrow. Arnautovic continua a tenere caldo il suo motore, senza riuscire a incidere. La manovra del Bologna con Vignato e Sansone, trova maggiiore rapidità, l’austriaco riceve dall’ex Chievo e in spaccata impegna Belec. 

La carta Simy

Dopo un’ora di gioco, Castori gioca la carta Simy. Fuori Djuric. Alla prima occasione il totem lo ripaga. Lungo cross in area rossoblù, di Ruggeri, Simy incorna, Skorupski smanaccia alla meno peggio, Bonifazi s’ingolfa, nella mischia Mamadou Coulibaly inventa un pallonetto a giro che si infila sotto l’incrocio dove Dominguez per ragioni fisiologici non si può arrampicare.

Marko cambia l’inerzia del match

A questo punto il Bologna rivede le streghe, ripensa alla fragilità che è la sola costante anche di questo sofferto avvio. Ma 4’ dopo un passaggio di prima di Schouten consente ad Arnautovic di rubare la scena. Stop sul dischetto e girata nell’angolino basso, da centravanti consumato. Due a due. Stavolta il Bologna sfrutta l’inerzia e tre minuti dopo De Silvestri schiaccia di testa in gol un angolo, l’errore è di Simy. Sorpasso.

Mihajlovic non cambia Schouten 

La via del successo del Bologna è comunque e sempre lastricata di sofferenza. Nella girandola di cambi, Mihajlovic dimentica l’ammonizione che pesa su Schouten, l’olandese ci mette del suo con una scellerata scivolata in ritardo, una volta non era neanche fallo, oggi invece lo è e costa il cartellino. Il Bologna  vince in nove, la generosa Salernitana, piccola ma che non meritava la sconfitta, finisce la benzina. Non ci sono più emozioni.Vince il Bologna in cui solo Medel regala una risposta al problema dell’organico. Perde una Salernitana punita oltre i suoi demeriti. Rapuano fa tutto secondo le regole. Ma se questo è il metro adottato, vedremo partite a ranghi ridotti. Aggiungiamo: Strandberg, Schouten, Hickey… che viene da più a nord sa che  i loro interventi non vengono neppure catalogati come falli. Meditate, arbitri, meditate.

BOLOGNA (4-2-3-1): Skorupski; De Silvestri, Medel, Bonifazi, Hickey (11’ st Vignato); Schouten, Dominguez (41’ st Svanberg); Orsolini (41’ st Skov Olsen), Soriano, Barrow (11’ st Sansone); Arnautovic (41’ st van Hooijdonk). Allenatore: Mihajlovic. 
SALERNITANA (3-5-2): Belec; Gyomber, Strandberg, Jaroszynski (37’ st Schiavone); Kechrida (30’ st Zortea), Coulibaly M., Coulibaly L. (30’ st Bogdan), Capezzi (37’ st Obi), Ruggeri; Bonazzoli, Djuric (19’ st Simy). Allenatore: Castori. 
Arbitro Rapuano di Rimini (Al Var Valeri)
Marcatori: 7’ st rig. Bonazzoli (S), 13’ st De Silvestri (B), 25’ st Coulibaly M. (S), 30’ st Arnautovic (B), 32’ st De Silvestri (B)
Note: ammoniti Jaroszynski, Bonifazi, Sansone. Espulsi: Stranbderg, Soriano (B) e Schouten per doppia ammonizione. Recupero 3’ e 6’. 

Fonte Repubblica.it

Condividi
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x
Available for Amazon Prime