Bolletta da 10 mila euro al giorno, e Coverciano prova a diventare green

Bolletta da 10 mila euro al giorno, e Coverciano prova a diventare green

Bolletta da 10 mila euro al giorno, e Coverciano prova a diventare green

MILANO – Oltre diecimila euro al giorno. Se vi foste chiesti quanto costa alla Federcalcio il ritiro della Nazionale a Coverciano be’, sappiate che la cifra è più o meno questa. E anzi, è una stima al ribasso. Sì, il caro bollette pesa anche sulla maglia azzurra. Basti pensare che i 20 giorni scarsi di raduno e stage spesi da Mancini e dalla sua squadra a Coverciano tra gennaio e luglio (oltre ai ritrovi arbitrali e le altre nazionali) hanno prodotto bollette da 233 mila euro tra elettricità, gas e acqua: in media, appunto, più di diecimila euro al giorno. In soli 7 mesi, la spesa ha superato quella di tutto il 2021. Un impatto mostruoso, a cui sommare almeno 422 mila euro all’anno per la gestione dei campi. Tutte cifre che la seconda parte del 2022, con l’aumento dei prezzi, farà impennare: la stima è che al 31 dicembre, la spesa per la casa degli azzurri sfiorerà – ma potrebbe tranquillamente superarlo – il milione di euro. Un anno fa si fermò a 651 mila euro. Costi diventati “insostenibili” per Gravina che venti giorni fa ha chiesto «strumenti e risorse per produrre energie alternative». In realtà un progetto c’è. Ed è piuttosto avanzato. 

Il programma ha come obiettivo l’indipendenza energetica e si chiama “Coverciano 3.0”: un piano per ottimizzare i consumi energetici e contemporaneamente contribuire al contenimento dei costi per le bollette. Già partito l’iter burocratico (il Consiglio comunale di Firenze dovrebbe valutare una variante al piano regolatore) e un rapporto di diagnosi energetica ha indicato il miglior investimento possibile per efficientare la struttura: il fotovoltaico. La Federcalcio ha investito 4 milioni, ma i consumi sono rilevanti – circa 900 mila kilowattora all’anno, tanto per dare una misura – e vanno ridotti. 

La prima richiesta di poter installare pannelli fotovoltaici nel parcheggio di Coverciano, vecchia di un paio d’anni, era stata rigettata per motivi paesaggistici. Ora il Comune di Firenze ha intuito che la soluzione può diventare un’opportunità. E i dialoghi sono ripresi costruttivamente.  Entro metà ottobre dovrebbe essere definito l’avvio della prima fase, con la presentazione del progetto in Comune per le autorizzazioni necessarie poi sarà valutata la cronologia degli interventi in base alle risorse (e nel frattempo si stanno piantando nuovi alberi). Col nuovo programma – che riguarda la zona compresa tra l’Auditorium/palestra e i campi da tennis, con parcheggio interrato di 2400 metri quadrati – sembrano invece superati i motivi ostativi. Sarebbe paradossale se fossero vincoli ambientali a frenare una Coverciano più green.

Fonte Repubblica.it

0 0 votes
Valutazione dell'articolo
Tienimi aggiornato
Notificami
guest
1 Commento
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
castigamatti
Ospite
castigamatti
8 giorni fa

ovviamente…
i grandi papaveri. saputelli, politiconi e presuntuosi avranno giá pensato di spostare al pomeriggio le partite di calcio previste per la sera, vero?

o diranno che non si puó?

perché intanto… MICA PAGANO LORO!!!