Bayern: Choupo-Moting e Kimmich positivi, Gnabry e Musiala si vaccinano

Si spacca il fronte No Vax in casa Bayern Monaco dopo le positività al Covid-19 di Eric Maxim Choupo-Moting e Joshua Kimmich. Dopo le notizie pubblicate dalla “Bild” in mattinata, il club bavarese ha confermato le indiscrezioni riguardanti due dei cinque giocatori presenti in squadra contrari al vaccino. Sia Choupo-Moting che Kimmich stanno bene, mentre Serge Gnabry e Jamal Musiala si sarebbero sottoposti in giornata alla prima dose effettuata dal medico del club. Resta, quindi, solo Michael Cuisance che però dovrebbe aver cambiato idea.

I cinque erano già in isolamento

Kimmich era già in isolamento da qualche giorno assieme allo stesso Choupo-Moting, Gnabry, Musiala e Cuisance in quanto non vaccinati e a contatto con Sule, che aveva contratto il virus. Secondo i media tedeschi, il Bayern avrebbe deciso di tagliare gli ingaggi dei suoi calciatori no-vax per tutto il periodo di isolamento. Proprio quando la Germania si trova ad affrontare una pesante ondata di casi ed è divisa sulle scelte da adottare per evitare il collasso delle strutture sanitarie, la vicenda dei giocatori della squadra campione di Germania assume quindi una valenza che travalica loro e il mondo del calcio. Lo stesso Kimmich già era finito al centro delle polemiche per la sua decisione di non vaccinarsi. 

Kimmich e Cuisance pronti a vaccinarsi

La questione dei non vaccinati al Bayern era già stata cavalcata dai media e sui social per la decisione della società di ridurre loro lo stipendio visto che dovevano rispettare la quarantena per ogni contatto con un positivo. Nessuno di loro ha giocato le ultime gare con la squadra e ieri non erano presenti a Kiev per la partita di Champions vinta 2-1 sulla Dinamo, ma oggi il caso si è riaperto con l’annuncio del club della positività del camerunese. “Il giocatore sta bene, viste le circostanze, ed è in isolamento a casa”. Secondo il sito di ‘Kicker’, anche Kimmich e Cuisance sarebbero intenzionati a vaccinarsi. Circostanza che per quanto riguarda il primo è stata confermata dal ct della Germania, Hans Dieter Flick: “Ho parlato con Jo e penso che sia sul punto di cambiare idea sulla vaccinazione – le sue parole riportare sempre da Kicker -, ma ora bisogna aspettare”. Il tecnico ha difeso il suo giocatore, sostenendo che “non va bene” mettere alla gogna una persona in quel modo, perché “ci si distrae da molte cose che potrebbero o dovrebbero andare meglio qui in Germania”.

Fonte Repubblica.it

Condividi
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x
Available for Amazon Prime