Atalanta, Gasperini: “Un buon inizio, ma serve maggiore tecnica”

BERGAMO – Arriva alla quinta giornata e al terzo tentativo la prima vittoria a Bergamo per l’Atalanta che batte 2-1 il Sassuolo e sale a quota 10 in classifica, un punto in più rispetto alla scorsa stagione dopo cinque turni. E’ una squadra diversa quella di Gasperini in confronto ai campionati passati, senza goleade ma con tanta sostanza. Anche se il tecnico Gian Piero Gasperini chiede di alzare soprattutto il tasso tecnico.

“Dobbiamo alzare il tasso tecnico”

“Abbiamo giocato con grande spirito e voglia di vincere, componenti che abbiamo messo in campo a inizio stagione quando il risultato non è stato favorevole – ha detto Gasperini ai microfoni di Dazn -. E’ un buon inizio, tre vittorie in cinque partite”. “Oggi era difficile, loro sono una squadra veloce e tecnica –  ha aggiunto il tecnico nerazzurro – ma dobbiamo alzare il tasso tecnico, è l’aspetto che quantifica gol e risultato: al momento siamo un po’ carenti”.

“Campionato molto equilibrato”

L’Atalanta si porta comunque a quota 10 punti e annusa l’aria di alta classifica. “Quest’anno penso che ci sia un campionato molto equilibrato, squadre che erano dietro si sono rinforzate e credo che la fascia per l’Europa sarà più numerosa – ha detto Gasperini -. Ai vertici ci sono le milanesi, straordinarie, insieme al Napoli. La Juventus può rientrare in ogni momento e con le altre siamo un passettino dietro. Ma tutti gli anni siamo partiti in una fascia un po’ più bassa però poi siamo riusciti, per nostri meriti o demeriti degli altri, ad arrivare in Champions”, ha concluso Gasperini.

Zappacosta: “Avevo voglia di riscatto”

“Una bella emozione riscattare l’occasione sbagliata a Salerno, avevo tanta voglia di rifarmi: per me è speciale segnare davanti ai tifosi, c’è un trascorso qui che mi ha lasciato tanto”. Così Davide Zappacosta, a segno nel 2-1 dell’Atalanta contro il Sassuolo. “Cerco di fare quello che chiede il mister, mi piace il suo modo di pensare perché vuole sempre attaccare e per me è perfetto – ha detto ancora Zappacosta a Dazn – Dobbiamo crescere sotto tutti i punti di vista, non averla chiusa ci ha messo un po’ in difficoltà ma abbiamo dimostrato che sappiamo soffrire. Da domani lavoreremo di più per migliorare la nostra manovra offensiva”. Zappacosta è seguito dalla stessa mental coach di Marcell Jacobs, Nicoletta Romanazzi. “Mi aiuta tantissimo, è una grandissima persona e ti capisce: all’inizio non ci credevo tanto, quando ho iniziato il percorso ho capito che la mente comanda davvero tutto. La nazionale? E’ un obiettivo ma cerco di non pensarci tanto, perché passa dal lavoro quotidiano”, ha concluso l’ex Genoa.

Fonte Repubblica.it

Condividi
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x