Al Khelaifi, Superlega ancora nel mirino: “Alcuni hanno cercato di abbattere il sistema”

Al Khelaifi, Superlega ancora nel mirino: "Alcuni hanno cercato di abbattere il sistema"

Il presidente dell’Eca Nasser Al Khelaifi torna ad attaccare la Superlega. In occasione dell’assemblea generale dell’associazione dei club europei tenutasi a Vienna, il numero uno del Psg ha ribadito con chiarezza la sua posizione, lanciando una frecciata neppure troppo velata all’indirizzo di Juventus, Barcellona e Real Madrid, i tre club che non hanno abbandonato il progetto scissionista: “Quando si lavora insieme, i risultati sono di gran lunga migliori. C’è stato un aumento del 39% del valore commerciale previsto per le competizioni maschili Uefa per il ciclo post-2024, un aumento storico e che non tiene conto del fatto che dobbiamo ancora esplorare fonti di ricavo addizionali non sfruttate. Gli scettici dell’attuale modello del calcio europeo si sbagliavano: i club sono più influenti, più ricchi, più uniti. Ricordo che l’anno scorso alcune persone hanno cercato di far crollare il sistema”.

Ceferin: “Collaborazione onesta e trasparente”

Al suo fianco il presidente dell’Uefa, Aleksander Ceferin: “Dovremmo soltanto parlare di noi stessi e della nostra grande collaborazione e unità di intenti, che non significa avere lo stesso punto di vista su tutti i temi ogni volta. Significa avere una collaborazione onesta e trasparente, dando la priorità agli interessi collettivi e prendendosi cura del calcio”.

A Ceferin Al Khelaifi ha rivolto un sentito ringraziamento: “Mi avevi detto fin dall’inizio che avresti badato ai migliori interessi dei club. Ogni tua previsione si è avverata e hai fatto anche di più per l’Eca e per i nostri 240 club. Sei un uomo di parola. Di fronte alla nostra assemblea generale, ti ringrazio personalmente”. Il numero uno del Psg ha poi annunciato una donazione iniziale da un milione di euro per l’Ucraina: “Molti nostri club si sono anche offerti di trovare un posto sicuro per i giovani calciatori dei vivai ucraini”.

Fonte Repubblica.it

Voglio essere avvisato
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments