Addio Barcellona-Messi, stampa spagnola sotto shock: “Un dramma”

La notizia dell’inattesa partenza di Lionel Messi dal Barcellona ha avuto l’effetto di una “bomba” in Spagna, secondo la stampa oggi letteralmente sotto shock per quello che è un vero e proprio “dramma”. “Dramma, va via Messi!”, titola appunto ‘Sport’, quotidiano sportivo di Barcellona, mentre ‘Mundo Deportivo’, altro giornale sportivo catalano, sottolinea la “bomba” rappresentata dalla partenza della “Pulce”. ‘El Periodico’ dal canto suo sfoggia un “Incredibile” in prima pagina con una foto di spalle del famoso numero 10, mentre ‘La Vanguardia’, il grande quotidiano generalista di Barcellona, ??mostra una foto dell’argentino che saluta il pubblico e scrive in prima pagina “Messi, triste addio a un’epoca stupenda”. Quando ormai il prolungamento del contratto della sua stella sembrava scontato, il fulmine è arrivato all’improvviso giovedì sera. Dopo oltre 20 anni di vita insieme, il giocatore e il club blaugrana hanno concluso la loro storia d’amore ufficializzando la partenza del sei volte Pallone d’Oro, ora libero a 34 anni di trovarsi un altro club.

‘El Pais’: “Un fallimento sportivo e morale per il club”

Secondo ‘Sport’, “Leo Messi è stato senza dubbio il primo sorpreso dall’esito delle trattative” e “ha pensato che tutto sarebbe stato suggellato giovedì” in un ultimo incontro tra suo padre e agente e il presidente del club Joan Laporta”. Nell’annunciare una notizia così sconvolgente, specie per i tifosi catalani, il Barcelona ha accusato gli “ostacoli economici e strutturali” rappresentati dai “regolamenti della Liga spagnola” in termini di tetto salariale come causa per aver impedito di formalizzare l’estensione dell’accordo con il campione argentino che era stata concordata fra le parti. Proprio il presidente Joan Laporta in una conferenza stampa, oggi, dovrebbe svelare i particolari sull’addio di Lionel Messi. Per il quotidiano ‘El Pais’, “nessuno si aspettava un abbandono così bizzarro” di Laporta che aveva promesso ai tifosi del club che sarebbe riuscito a trattenere Messi. Questa partenza segna “un fallimento finanziario, sportivo e morale” del club catalano, il giudizio del primo quotidiano generalista spagnolo.

‘Marca’: Psg in pole, pronto il piano per il colpo

Come è facile immaginare, il futuro dell’asso argentino è subito diventato l’argomento del giorno. Tanto in Francia quanto in Spagna  giornali e siti parlano del Paris Saint-Germain come possibile nuova meta del campione sudamericano. A quanto si apprende da ‘Marca’, sarebbe già pronto il piano per andare a ingaggiare Lionel Messi: i presupposti ci sarebbero, soprattutto se il presidente Al-Khelaifi andasse a piazzare sul mercato esuberi importanti nella rosa di Pochettino. A questo si affiancherebbe la strategia sui diritti d’immagine della ‘Pulce’, da cui il Psg andrebbe ad ammortizzare il costo d’ingaggio. Icardi, Sarabia, Herrera, Keylor Navas, Sergio Rico, Kehrer, Danilo e Kurzawa: sono questi i giocatori ritenuti ‘sacrificabili’ dal club parigino per ottenere Messi e – soprattutto – andare a trattenere Kylian Mbappé, corteggiato dal Real Madrid. Da queste cessioni dunque il Psg andrebbe a guadagnare un tesoretto di circa 140 milioni di euro con i quali far quadrare i conti sui bilanci. A maggior ragione se si pensa ai 71 milioni di euro lordi che Messi ha finora percepito al Barça, cifra che pochi club al mondo possono permettersi.

Chelsea e Manchester City provano a inserirsi

Sì, perché non c’è solo il Psg in corsa. È infatti notizia di queste ore il possibile inserimento nell’affare di Chelsea e Manchester City, che punterebbe sul fattore Guardiola, allenatore che ha proiettato Messi nell’Olimpo del calcio europeo e mondiale. Tuttavia, riferisce sempre ‘Marca’, il Psg sarebbe stato contattato direttamente dal padre-agente di Messi a poche ore dalla rottura con il Barcellona. Con i parigini che sarebbero a questo punto in vantaggio, ma in un momento di riflessione. “Il maggiore ostacolo al prolungamento del contratto con i catalani è di natura economica: le stesse motivazioni limitano le possibili destinazioni di Messi“, scrive ‘L’Equipe’. Gli unici club in grado di poter fronteggiare una simile operazione sembrano essere appunto Manchester City e Psg, finanziati entrambi da fondi sovrani. Proprio i parigini sono avanti a tutti anche secondo ‘The Athletic’: Messi, infatti, avrebbe già parlato con l’allenatore del Psg, Mauricio Pochettino.

Fonte Repubblica.it

Condividi
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x
Available for Amazon Prime